• Allevamenti ittici, le proteine animali sono un'alternativa sicura ai mangimi tradizionali

    Print
    Allevamenti ittici

    La sempre crescente richiesta di pesce da parte dell'industria alimentare e dei produttori di olio di pesce rende necessari mangimi alternativi per gli allevamenti ittici. Secondo Gert Mulderij, direttore del settore vendite e marketing di Vion Ingredients, la principale azienda europea impegnata nell'utilizzo dei prodotti secondari degli allevamenti, le proteine di origine animale possono fornire una buona risposta a questa domanda.

     

    Secondo Mulderij “utilizzare le proteine animali contribuisce alla sostenibilità non solo fornendo fonti di proteine naturali, ma anche attraverso una gestione intelligente degli scarti”. Non solo, gli studi condotti dal Riklit, istituto di ricerca per la sicurezza alimentare di Wageningen (Paesi Bassi), hanno permesso di mettere a punto metodiche per controllare le proteine di origine animale che sarebbero utilizzate in acquacoltura, in modo da evitare il rischio di BSE, l'encefalopatia spongiforme bovina – comunemente nota anche come “morbo della mucca pazza – associata all'uso delle farine animali nella mangimistica.

     

    Patrendo da questi presupposti Sonac, settore di Vion Ingredients che si occupa di produrre ingredienti affidabili di origine animale, presenterà alla fiera VIV Asia, in programma a Bangkok dal 13 al 15 marzo prossimi, due prodotti innovativi già approvati dall'Unione Europea: MucoPro80 e Phosterol. Soluzioni di questo tipo permetterebbero di far fronte alla crescita del 15% prevista per il settore ittico e alla richiesta di prodotti derivati dal pesce anche da parte di altri setori della mangimistica, come quella del cibo per gli animali da compagnia.

    s.s. 06-03-2013 Tag: allevamenti itticimangimipesciproteine animalifarine animaliproteine
Articoli correlati