• L'allarme di Federalimentare: "Persi 20 miliardi in 5 anni"

    Print
    Supermercato alimentari

    Consumi e occupazione in calo, Nonostante una relativa tenuta della produzione (-1,4%) e una buona risposta dell'export (+8%), il settore alimentare inizia a pagare le conseguenze di una crisi che dura ormai da troppi anni. Sono stati persi 20 miliardi di euro in consumi in 5 annie 5000 posti di lavoro nel 2011-2012. È lo scenario a tinte chiaroscure dipinto da Federalimentare sull'andamento dell'industria alimentare nel 2012, nei quali si legge che i tagli alla spesa alimentare registrati degli ultimi 12 mesi ammontano al -3%, che corrisponde però, in valore, a quasi 7 miliardi di euro. Ma si arriva a -10% se si prendono in esame gli ultimi 5 anni, con dispense e frigoriferi piu' ''leggeri'', in questo caso, di ben 20 miliardi di euro.

     

    "Bisogna ridurre la pressione fiscale - commenta il presidente di Federalimentare Filippo Ferrua Magliani - fermando ogni tassazione impropria, come food tax o accise, contrastare l'aumento dell'aliquota del 21% previsto a luglio 2013 e ridurre l'incidenza fiscale dei costi di trasporto e dell'energia; sostenere l'internazionalizzazione, adottare una politica fieristica chiara e lungimirante e lottare contro la contraffazione; partecipare attivamente al dibattito sulla revisione della PAC, in particolare riguardo ai temi dell'approvvigionamento e della security alimentare".

    Redazione 14-03-2013 Tag: federalimentaremercatoprezzioccupazioneconsumi
Articoli correlati