• Il negoziato Pac: il ministro Catania fa il punto prima del Trilogo

    Print
    Mais aflatossine

     

     Il ministro delle Politiche agricole Mario Catania ha stilato un resoconto sull'esito del negoziato sulla riforma della Pac.
    Ecco il prospetto in sintesi in vista dell'avvio della fase di 'trilogo' del negoziato. Pagamenti diretti per quasi 27 milioni di euro, esattamente 26,985 euro, con un valore medio di 380 euro ad ettaro (378) a fronte di un livello medio comunitario pari a 263,5 euro ad ettaro, con un abbassamento dell'aiuto per ettaro che sarà progressivo. In sede negoziale si è ottenuto un allungamento del periodo di convergenza da 4 a 6 anni.
    Mentre la dotazione per lo sviluppo rurale, per il periodo 2014-2020, passerà da 8.985 milioni di auro a 10.429 milioni di euro. A queste risorse va aggiunta un'ulteriore dotazione Fesr destinata alle aree rurali delle Regioni dell'Obiettivo Convergenza pari a 500 milioni di euro, corrispondenti a circa 560 milioni di euro a prezzi correnti. In considerazione del fatto che i fondi dello sviluppo rurale attivano un cofinanziamento nazionale medio pari a circa il 50% le risorse complessivamente disponibili ammonterebbero a 21.792 milioni di euro.
    Un resoconto puntuale che mette in risalto punto per punto alcune novità emerse dai lavori. Il capitolo "pagamenti diretti" contempla la definizione di 'agricoltore attivo': "il testo della Presidenza - si legge - non fa più tiferimento al valore dei pagamenti diretti inferiore al 5% dei proventi derivanti da attività non agricole, indicata dalla Commissine come soglia sotto la quale l'agricoltore non è definito attivo, con il nuovo testo il riferimento dell'agricoltore attivo afferisce all'attività minima agricola. Tuttavia è facoltà degli Stati membri attivare una lista di esclusione per determinati soggetti come ade sempio aziende ferroviarie, impianti idrici, società immobiliari, ecc. Inoltre anche per agricoltori le cui attività agricole costituiscono solo una parte insignificante delle loro attività economiche globali o la cui attività principale o l'oggetto sociale non sia l'esercizio di un'attività agricola2.
    Tra gli altri punti nodali il cosiddetto 'greening', ossia la percentuale di terreno da destinare a verde. "L'impianto che è uscito - spiega il ministro nel documento - è di gran lunga migliore e più flessibile rispetto a quella impostazione molto rigida predisposta all'inizio dalla Commissione e basata esclusivamenet sulle tre misure: diversificazione, pascolo e Aree di interesse ecologico".
    "Nel negoziato si è riusciti a riequilibrare un approccio troppo 'continentale' e a garantire maggiore uniformità per l'applicazione del greening anche nella realtà agricola italiana e mediterranea in genere". E' inserita la possibilità di considerare misure equivalenti quali le pratiche attuate a norma degli impegni agro ambientali dello Sviluppo Rurale o schemi di certificazione ambientale nazionali. Sono state previste esenzioni per l'applicazione del greening per le aree coltivate per almeno il 75% a riso o a foraggere. nella diversificazione colturale sono stati inseriti due livelli di soglia per la sua attuazione: tra 10 e 30 ettari 2 colture e sopra 30 ettari 3 colture. Per le aree di interesse ecologico (Efa) è stata inserita la soglia d'applicazione di 15 ettari e ridotta la percentuale di realizzazione al 5%".

    Negoziato sulla riforma della Pac, prende il via il "trilogo", fase che precede il compromesso. Il ministro delle Politiche agricole Mario Catania ha fatto il punto sull'esito del negoziato stilando un resoconto. Ecco i punti nodali:

     

    Pagamenti diretti per quasi 27 milioni di euro, esattamente 26,985 euro, con un valore medio di 380 euro ad ettaro (378) a fronte di un livello medio comunitario pari a 263,5 euro ad ettaro, con un abbassamento dell'aiuto per ettaro che sarà progressivo. In sede negoziale si è ottenuto un allungamento del periodo di convergenza da 4 a 6 anni. Mentre la dotazione per lo sviluppo rurale, per il periodo 2014-2020, passerà da 8.985 milioni di auro a 10.429 milioni di euro. A queste risorse va aggiunta un'ulteriore dotazione Fesr destinata alle aree rurali delle Regioni dell'Obiettivo Convergenza pari a 500 milioni di euro, corrispondenti a circa 560 milioni di euro a prezzi correnti. In considerazione del fatto che i fondi dello sviluppo rurale attivano un cofinanziamento nazionale medio pari a circa il 50% le risorse complessivamente disponibili ammonterebbero a 21.792 milioni di euro.

     

    Definizione di 'agricoltore attivo' - Il testo della Presidenza non fa più tiferimento al valore dei pagamenti diretti inferiore al 5% dei proventi derivanti da attività non agricole, indicata dalla Commissine come soglia sotto la quale l'agricoltore non è definito attivo. Con il nuovo testo il riferimento dell'agricoltore attivo afferisce all'attività minima agricola. Tuttavia è facoltà degli Stati membri attivare una lista di esclusione per determinati soggetti come ade sempio aziende ferroviarie, impianti idrici, società immobiliari, ecc. Inoltre anche per agricoltori le cui attività agricole costituiscono solo una parte insignificante delle loro attività economiche globali o la cui attività principale o l'oggetto sociale non sia l'esercizio di un'attività agricola.T

     

    Greening - L'impianto che è uscito è di gran lunga migliore e più flessibile rispetto a quella impostazione molto rigida predisposta all'inizio dalla Commissione e basata esclusivamenet sulle tre misure: diversificazione, pascolo e Aree di interesse ecologico. Nel negoziato si è riusciti a riequilibrare un approccio troppo 'continentale' e a garantire maggiore uniformità per l'applicazione del greening anche nella realtà agricola italiana e mediterranea in genere. È inserita la possibilità di considerare misure equivalenti quali le pratiche attuate a norma degli impegni agro ambientali dello Sviluppo Rurale o schemi di certificazione ambientale nazionali. Sono state previste esenzioni per l'applicazione del greening per le aree coltivate per almeno il 75% a riso o a foraggere. nella diversificazione colturale sono stati inseriti due livelli di soglia per la sua attuazione: tra 10 e 30 ettari 2 colture e sopra 30 ettari 3 colture. Per le aree di interesse ecologico (Efa) è stata inserita la soglia d'applicazione di 15 ettari e ridotta la percentuale di realizzazione al 5%".

     

    10-04-2013 Tag: paceuropaCommissione europeaUEnegoziatomario cataniaMipaaf
Articoli correlati