• Settore avicolo, le speranze dell'Africa risiedono in Nigeria

    Print
    Polli pollame pixabay

    In Africa si fa sempre più evidente la necessità di investire nella produzione di mangimi per il settore avicolo. Il pollame e le uova sono infatti ormai riconosciuti come alimenti di qualità e importanti fonti di proteine, vitamine e altri nutrienti importanti per lo sviluppo di bambini e ragazzi e, più in generale, per la salute umana. Purtroppo, però, il costo degli allevamenti avicoli sta crescendo ogni anno di più e, di conseguenza, anche il prezzo del pollame e delle uova sta aumentando.

     

    Da questo punto di vista, preoccuparsi dei mangimi sembrerebbe essere la strategia migliore. I costi del settore dipendono infatti per il 65-68% dal cibo necessario al sostentamento degli allevamenti. Secondo le analisi del settore la soluzione interna al continente potrebbe essere la Nigeria, paese in una condizione favorevole sia per quanto riguarda le materie prime, sia in termini di tecnologie disponibili. Qui, inoltre, l'aumento della domanda rappresenta un incentivo allo sviluppo del settore mangimistico.

     

    Con una popolazione di 150 milioni di abitanti, la richiesta di pollame e uova in Nigeria è in continuo aumento. In particolare, la domanda aumenta del 4,8% all'anno e dai quasi 152 milioni di tonnellate di carne e uova richiesti nel 1992 si è arrivati ai quasi 192 milioni del 1997. Nonostante le restrizioni alle importazioni, il rifornimento interno di mangimi per i polli è ancora molto basso e sono necessari più investimenti perché la produzione possa soddisfare la domanda e ridurre i costi di produzione di uova e carne.

    Foto: Pixabay

    Silvia Soligon 30-09-2013 Tag: settore avicolomangimiafricapollameuova
Articoli correlati