• Mucca pazza, gli Usa si adeguano agli standard internazionali

    Print

    La regola è stata rilasciata dall'Animal and Plant Health Inspection Service

    Cow2

    Il Dipartimento per l'agricoltura statunitense ha emesso nuove regole sulla carne bovina che allineano la posizione degli Usa agli standard internazionali per quanto riguarda la protezione dall'encefalopatia spongiforme bovina (BSE), nota anche come "morbo della mucca pazza".

     

    La regola, rilasciata dall'Animal and Plant Health Inspection Service statunitense (APHIS), è stata recepita con grandi elogi: secondo gli esperti, infatti, questa nuova norma permetterà agli Usa di esportare una quantità maggiore di questo tipo di carne. Fino ad oggi, infatti, diversi Paesi tra cui il Messico - uno dei maggiori importatori di carne bovina dagli Usa - hanno vietato le importazioni di bestiame degli Stati Uniti con più di 30 mesi di età basandosi sull'assenza di una regolamentazione Usa che aderisse agli standard internazionali: una restrizione che, secondo gli esperti, sta costando ai produttori di carne bovina statunitense 100 milioni di dollari l'anno.

     

    La regola, che prevede l'adesione agli standard accettati a livello internazionale stabiliti dall'Organizzazione mondiale per la salute animale, entrerà in vigore 90 giorni dopo la pubblicazione nel Federal Register e permetterà all'APHIS di effettuare le proprie valutazioni.

     

    Come spiega John Clifford, amministratore delegato APHIS, "questi cambiamenti dimostreranno ulteriormente ai nostri partner commerciali il nostro impegno verso gli standard internazionali, e siamo fiduciosi che contribuiranno ad aprire nuovi mercati e a rimuovere le restrizioni ai prodotti americani".

     

    Miriam Cesta 18-11-2013 Tag: bsebovinimucca pazzaencefalopatia spongiforme
Articoli correlati
  • Carne bovina, Ismea: nel primo semestre produzione in calo del 13,6%

    Quella della carne bovina è stata una delle filiere zootecniche più colpite dalla crisi dovuta all’emergenza sanitaria da CoVid-19. Nel primo semestre del 2020, in un comparto già reduce da un calo del 3,6% del 2019, l’offerta...

    21-10-2020
  • Mangimi, nel 2019 produzione e fatturato in crescita. Migliora il saldo con l’estero

    Proprio nei mesi in cui il lockdown metteva a dura prova l’economia nazionale, la filiera maidicola compiva un generoso scatto in avanti con la firma dell’Accordo quadro. Promosso da Assalzoo, e sottoscritto da altre nove Associazioni del settore,...

    03-09-2020
  • Fefac, nel 2019 produzione di mangimi in leggero calo

    Una riduzione di meno dell’1% per la produzione di mangimi nel 2019. Ma le prime stime per il 2020 indicano cali più accentuati, fino al 6% nello scenario più pessimista. Fefac, la Federazione dei produttori europei di alimenti per animali,...

    14-06-2020
  • Fefac, tiene la produzione europea di mangimi nel 2019

    Resta sostanzialmente stabile la produzione di mangimi in Europa. Nel 2019 – secondo le stime di Fefac, Federazione europea dei Produttori di mangimi – nei 28 Paesi l’output è stimato a 161,7 milioni di tonnellate. Rispetto...

    14-12-2019
  • L’andamento della produzione mangimistica nel 2018

    Secondo le stime Assalzoo – effettuate sulla base dell’indagine condotta tra le ditte associate, che rappresentano oltre il 70% della produzione nazionale – nel 2018 la produzione italiana complessiva di alimenti completi e complementari ha...

    01-10-2019