• Soia, in Usa nel 2014 previsto record di semina

    Print

    Tendenza opposta per il mais

    Soia antitumorale

    Le piantagioni di soia nel corso del 2014 potrebbero far segnare negli Stati Uniti un nuovo record di acri seminati. Secondo le stime effettuate dal National Agricultural Statistics Service (NASS) del Dipartimento dell'Agricoltura statunitense sulla base di oltre 84 mila interviste a imprenditori agricoli, quest'anno saranno 81,5 i milioni di acri coltivati a soia: una cifra in crescita del 6% rispetto allo scorso anno e che farà segnare, se confermata, il record registrato nel 2009, quando gli acri seminati a soia furono 77,5 milioni.

     

    Il maggiore incremento di terreni coltivati a soia è previsto in North Dakota, dove si dovrebbe registrare un record di 5,65 milioni di acri, con una crescita di un milione di ettari rispetto allo scorso anno. Se le stime si avvereranno, inoltre, anche in Nebraska, New York, Pennsylvania, South Dakota e Wisconsin verranno coltivate a soia superfici massime, mai registrate prima di quest'anno.

     

    In tendenza opposta il mais: secondo il NASS i coltivatori di mais intendono piantare a mais 91.700.000 di acri nel 2014, in calo del 4% rispetto allo scorso anno, facendo registrare la superficie minima coltivata dal 2010.

     

    Nonostante gli acri seminati a granturco dovrebbero, secondo le stime, diminuire, alcuni Stati come Colorado, Idaho, Iowa, Kansas, Maine, Massachusetts e Utah, dal canto loro, prevedono di aumentare la superficie coltivata rispetto allo scorso anno. Se ciò si avverrà, spiegano dal NASS, in Idaho si registrerà il record della superficie massima mai coltivata a mais entro i propri confini.

    Miriam Cesta 04-04-2014 Tag: maissoiaacrisemina
Articoli correlati
  • Cereali, per Coceral produzione 2020 in calo

    Nelle sue prime previsioni per il 2020 il Coceral, l’Associazione europea del Commercio dei cereali e semi oleosi, ha stimato un calo del 2% nella produzione di cereali. Dai 308,9 milioni di tonnellate del 2019, nell'Ue a 27 Stati più il Regno...

    26-03-2020
  • Una mappa genetica per il mais

    Gli effetti del cambiamento climatico potrebbero mettere a dura prova il mais degli Stati Uniti, uno dei maggiori produttori al mondo. Diversi ricercatori sono impegnati a cercare delle soluzioni in ambito genetico per mettere a punto delle colture più...

    24-03-2020
  • Osservatorio territoriale qualità cereali: mais, frumento tenero, duro e orzo

    La filiera cerealicola costituisce uno dei settori più consistenti dell’economia agricola ed agroalimentare italiana. Ciononostante, negli ultimi dieci anni si è assistito a una forte riduzione della produzione nazionale, soprattutto in...

    19-03-2020
  • Le prove varietali 2019 confermano buoni risultati per l’orzo zootecnico

    La rete delle prove varietali per l’orzo zootecnico, coordinata dal Centro di ricerca Genomica e Bioinformatica (CREA-GB) di Fiorenzuola D’Arda, fornisce una valutazione annuale del panorama varietale italiano per tale specie. Essa è il solo...

    28-02-2020
  • Giornata del Mais 2020: tra storia e innovazione

    La Giornata del Mais, che si è tenuta a Bergamo il 24 gennaio, si è focalizzata su due importanti aspetti: storia ed innovazione. L’anno 2020 segna infatti una data importante per la sede di Bergamo del CREA: festeggia i 100 anni della...

    06-02-2020