• Mais e soia, la primavera fredda non ha fermato la semina

    Print
    Agricoltura

    La primavera insolitamente fredda non ha fermato, negli Stati Uniti, la semina del mais e della soia. Secondo un articolo pubblicato su Agriculture.com, portale specializzato in pubblicazioni nel settore zootecnico, nelle ultime settimane la semina di mais e soia ha raggiunto quantità del tutto comparabili a quelle degli anni precedenti nonostante le temperature primaverili siano state caratterizzate da diversi abbassamenti rispetto alla media stagionale.

     

    Stando ai dati riportati nell'articolo, per quanto riguarda la semina del mais è stata raggiunta quota 59% del totale, rispetto al 58% della media stagionale. Per quanto riguarda le piante di mais emerse, nonostante le temperature inospitali la percentuale si aggira intorno al 18%, rispetto alla media stagionale del 25%. Per quanto concerne la soia, infine, i calcoli hanno messo in evidenza un 20% di semina effettuata, indietro quindi solo dell'1% rispetto alla media stagionale.

     

    Tra i vari Paesi coltivatori di mais, però, si registrano notevoli differenze. Se, rispetto agli anni precedenti, la quantità di mais seminato fino ad oggi è maggiore rispetto alla media stagionale in Colorado (64% contro 56%), Illinois (78% contro 53%), Indiana (61% contro 45%), Kansas (72% contro 63%), Kentucky (64% contro 59%), Missouri (86% contro 62%), Nebraska (77% contro 71%), Sud Dakota (52% contro 43%) e Tennessee (87% contro 76%), in altri Paesi la semina di mais è stata più scarsa: nel Michigan, ad esempio, è stato seminato il 20% di mais contro una media stagionale del 41%, e così pure è accaduto in Minnesota (31% contro 62%), Nord Dakota (3% contro 33%), Ohio (40% contro 46%), Pennsylvania (27% contro 41%) e Wisconsin (20% contro 41%).

     

    Gli esperti spiegano che i molti Stati del nord (Wisconsin, Michigan, Minnesota, Nord Dakota) in ritardo con la semina dovranno cercare di recuperare il divario rispetto alle medie stagionali entro le prossime due settimane: dopodiché, con l'arrivo delle più fresche temperature autunnali, sarà troppo tardi per ottenere raccolti equiparabili alle rese degli anni passati.

    m.c. 15-05-2014 Tag: maissoiaseminaagricoltura
Articoli correlati
  • Emergenza coronavirus, i provvedimenti di Ismea

    Ismea, l’Istituto di Servizi per il mercato agricolo alimentare, ha adottato delle misure specifiche per sostenere le imprese del settore agricolo e alimentare. Un settore al quale è stata garantita la continuità produttiva ma che comunque...

    27-03-2020
  • Cereali, per Coceral produzione 2020 in calo

    Nelle sue prime previsioni per il 2020 il Coceral, l’Associazione europea del Commercio dei cereali e semi oleosi, ha stimato un calo del 2% nella produzione di cereali. Dai 308,9 milioni di tonnellate del 2019, nell'Ue a 27 Stati più il Regno...

    26-03-2020
  • Una mappa genetica per il mais

    Gli effetti del cambiamento climatico potrebbero mettere a dura prova il mais degli Stati Uniti, uno dei maggiori produttori al mondo. Diversi ricercatori sono impegnati a cercare delle soluzioni in ambito genetico per mettere a punto delle colture più...

    24-03-2020
  • Osservatorio territoriale qualità cereali: mais, frumento tenero, duro e orzo

    La filiera cerealicola costituisce uno dei settori più consistenti dell’economia agricola ed agroalimentare italiana. Ciononostante, negli ultimi dieci anni si è assistito a una forte riduzione della produzione nazionale, soprattutto in...

    19-03-2020
  • Coronavirus, il pacchetto a sostegno dell’agroalimentare

    Misure specifiche a favore del settore agroalimentare, dai finanziamenti alla sospensione dei mutui al sostegno al reddito, oltre a misure generali per imprese e lavoratori. Il decreto legge ‘CuraItalia’ ha previsto degli interventi mirati per il...

    19-03-2020