• Fao: lo spreco alimentare colpisce soprattutto i poveri

    Print
    Sprechi di cibo

    Basterebbe salvare dal macero almeno un quarto del cibo che ogni anno viene sprecato, per nutrire 870 milioni di persone che soffrono la fame. È quanto sostengono gli esperti della Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), secondo cui circa un terzo degli alimenti prodotti per il consumo umano vengono persi o buttati via.

    Nello specifico, il cibo che viene annualmente sprecato in America Latina potrebbe sfamare 300 milioni di persone. Quello scartato in Europa potrebbe nutrire 200 milioni di individui. Mentre quello che ogni anno viene perso in Africa, potrebbe saziare 300 milioni di persone.

    A rimetterci sono soprattutto le fasce più deboli della popolazione. La perdita di cibo durante il raccolto e all’interno dei depositi si traduce in perdite economiche per i piccoli agricoltori e nell’aumento dei prezzi per i consumatori. Questo fenomeno colpisce soprattutto le persone più indigenti, che vedono ridotta la loro capacità d’acquisto.

    Nei paesi in via di sviluppo, le perdite alimentari si verificano soprattutto nelle prime fasi della catena alimentare. Derivano, in particolare, da vincoli finanziari, gestionali e tecnici nelle modalità di raccolta e di stoccaggio degli alimenti. Sono dovute, inoltre, al problema di raffreddare adeguatamente i depositi in cui si conserva il cibo. Secondo la Fao, per rafforzare il sistema di produzione alimentare sarebbe opportuno garantire un sostegno diretto agli agricoltori e investire nelle infrastrutture e nei trasporti. Implementare l’intero processo produttivo potrebbe, infatti, ridurre la quantità di scarti alimentari.

    Nei paesi a medio e alto reddito, invece, il cibo viene sprecato soprattutto nelle fasi successive alla produzione. In questo caso, il comportamento dei consumatori gioca un ruolo enorme: i prodotti che hanno un aspetto poco invitante finiscono per essere scartati. Secondo la Fao, per affrontare il problema, sarebbe opportuno sensibilizzare i produttori, i rivenditori e i consumatori su come utilizzare in modo vantaggioso il cibo che viene generalmente scartato, in modo da ridurre la perdita di cibo.

    n.c. 14-09-2015 Tag: faospreco alimentareciboalimentiraccoltastoccaggiovendita
Articoli correlati
  • Cereali, con il boom del mais Usa scendono i prezzi e aumenta la produzione prevista

    I maggiori raccolti del mais negli Stati Uniti rispetto a quanto previsto spingono al ribasso l’Indice dei prezzi dei cereali e al rialzo le previsioni di luglio della produzione cerealicola mondiale. I nuovi dati arrivano dalla Fao e sono contenuti...

    13-09-2019
  • Presentare diversamente i prodotti alimentari per contrastare lo spreco di cibo

    Per ridurre lo spreco alimentare si può anche agire sui comportamenti di acquisto dei consumatori. Ai loro occhi un frutto troppo maturo, esteticamente non perfetto, con qualche piccolo difetto, automaticamente non è buono e non viene acquistato...

    10-09-2019
  • Acquacoltura, Fao: i vantaggi del miglioramento genetico

    L’ingegneria genetica applicata in acquacoltura potrebbe dare un impulso decisivo alla produzione e soddisfare le richieste di una domanda crescente nei prossimi anni. Maggiore produzione con un uso più accorto degli input, dai mangimi...

    30-08-2019
  • Peste africana, in Asia persi cinque milioni di suini

    In Asia è strage di suini. La peste suina africana ha comportato l’abbattimento o il decesso di quasi cinque milioni di capi d’allevamento, con perdite economiche rilevanti. La Fao è intervenuta per sostenere i Paesi colpiti e limitare...

    14-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019