• Soia e mais, cresce la competitività di Brasile e Argentina

    Print
    Soia prezzi

    Nel 2016 i produttori sudamericani di soia e mais metteranno a dura prova i competitor statunitensi. Grazie alla debolezza delle rispettive valute, Brasile e Argentina competeranno per ritagliarsi spazi di mercato sempre maggiori. Ad annunciarlo è la rivista specializzata in agricoltura Agweb, secondo cui il principale acquirente di soia continuerà a essere la Cina. Il paese asiatico, infatti, ha attuato un programma che gli ha permesso di diventare indipendente in materia di mais, a scapito della soia.

    L'anno scorso la Cina ha importato 81 milioni di tonnellate di semi di soia. Secondo gli analisti, quest'anno dovrebbe comprarne 82,5 milioni di tonnellate. Tuttavia, se l'economia cinese dovesse subire un arretramento, la quantità importata potrebbe scendere fino a 79 milioni di tonnellate.

    Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda) stima che la produzione argentina di soia dovrebbe raggiungere 58,5 milioni di tonnellate. Quella brasiliana, invece, dovrebbe mantenersi stabile intorno alle 100 milioni di tonnellate. Insieme i due paesi dovrebbero raccogliere 158,5 milioni di tonnellate di semi di soia, mentre gli Stati Uniti dovrebbero fermarsi a 106.95 milioni di tonnellate.

    Per quanto riguarda il mais, l'Usda prevede che la produzione del cereale in Argentina dovrebbe attestarsi sui 27 milioni di tonnellate – soltanto il mese scorso le stime si fermavano a 25,6 milioni di tonnellate. Anche le previsioni per il raccolto in Brasile sono cresciute, passando da 84 milioni di tonnellate del mese precedente a 86,5 milioni di tonnellate. I due paesi sudamericani insieme dovrebbero raccogliere 111 milioni di tonnellate di mais in primavera. Si tratta di una quantità nettamente inferiore ai 345.49 milioni di tonnellate previsti negli Usa per il prossimo autunno, ma secondo gli analisti è indice di un buon raccolto.

    redazione 25-02-2016 Tag: USDAcerealisoiamaisArgentinabrasileCOLTURE
Articoli correlati
  • Mais e grano duro, in aumento le importazioni nei primi mesi del 2019

    Un calo delle quantità e un corrispettivo aumento dei valori accomunano le importazioni e le esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche nei primi mesi del 2019 in Italia. Il Paese si conferma importatore di mais e grano duro mentre fa segnare...

    21-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019