Victam
  • Produzione mondiale di grano, previsto leggero calo nel 2016

    Print

    Ma in Cina e Pakistan sono attesi raccolti record

    Cereali mangimi %c2%a9 frank seifert   fotolia

    Nel 2016 la produzione mondiale di grano dovrebbe registrare un calo dell'1,4%, rispetto ai livelli record raggiunti lo scorso anno. La causa? La riduzione delle semine invernali in Russia e in Ucraina dovuta alla siccità. È quanto emerge dal “Bollettino sull'offerta e sulla domanda di cereali” pubblicato dalla Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura), secondo cui quest'anno il raccolto di grano dovrebbe attestarsi sui 723 milioni di tonnellate, circa 10 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2015. La Fao stima che Cina e Pakistan andranno in controtendenza: nei due paesi quest'anno è attesa un produzione record.

    L'Organizzazione ha ridimensionato le stime sulla produzione totale di cereali effettuate lo scorso anno, portandole a 2.525 milioni di tonnellate. Questo dato riflette le previsioni aggiornate della produzione di grano in India e i dati rivisti della produzione nella Repubblica islamica dell'Iran.

    A causa degli sviluppi in Asia, la Fao ha rivisto al ribasso anche le stime per la produzione mondiale di cereali e riso. Complessivamente si ritiene che la produzione mondiale di cereali nel 2015 sia stata di circa l'1,4% inferiore al livello record raggiunto nel 2014.

    Secondo la Fao, le scorte globali di cereali dovrebbero raggiungere i 636 milioni di tonnellate per la fine delle stagioni produttive del 2016. Si tratta di una quantità quasi invariata rispetto ai livelli di apertura già alti, ma in calo di 6,2 milioni di tonnellate rispetto alle previsioni del mese precedente. Questo dato deriva dalle minori previsioni sulle scorte di grano presenti nella Repubblica islamica dell'Iran e nell'Uzbekistan, derivanti da rettifiche riguardanti le quantità storiche delle scorte in entrambi i paesi.

    Lo stock-to-use ratio (il rapporto tra gli stock finali e gli impieghi interni), un indicatore della sicurezza alimentare mondiale, è rimasto a un livello relativamente alto, pari al 24,7%. Infine, l'Organizzazione prevede che, in termini di volume, gli scambi mondiali di cereali dovrebbero diminuire del 2% nella stagione 2015/16, rispetto a quella precedente. La stima riflette la contrazione della domanda di grano e orzo, che dovrebbe compensare l'aumento della domanda di riso.

    Foto: © Frank Seifert - Fotolia

    red. 14-03-2016 Tag: cerealigranoorzomaisfaorisosicurezza alimentare
Articoli correlati
  • Usa, in calo resa di mais e soia

    Nella stagione 2018/19 il rendimento del mais e della soia prodotti negli Stati Uniti dovrebbe diminuire. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimate (Wasde)” pubblicato l’8 febbraio dal Dipartimento...

    15-02-2019
  • Controllo residui nei prodotti di origine animale, conforme 99,9% dei campioni

    Nel 2017 il 99,9% dei prodotti di origine animale è risultato conforme ai parametri di legge. È quanto emerge dal rapporto: “Piano nazionale per la ricerca dei residui - Relazione finale anno 2017”, che descrive i risultati dei...

    14-02-2019
  • Le previsioni del tempo e la qualità del mais: il caso americano

    Grazie all’impiego di nuovo algoritmo, potrebbe essere possibile prevedere la resa e la qualità dei raccolti di mais. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy dai ricercatori dell'Università dell'Illinois di...

    12-02-2019
  • Commodities alimentari, a gennaio quotazioni in rialzo

    Il 2019 si è aperto in modo positivo per i mercati delle materie prime alimentari: a gennaio quasi tutti i listini hanno registrato un aumento. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando...

    09-02-2019
  • Sicurezza alimentare, corso sui controlli veterinari ai posti d'ispezione frontalieri

    Garantire la sicurezza degli alimenti di origine animale e del bestiame che transitano attraverso i posti d'ispezione frontalieri (Pif). È questo il tema del nuovo corso di formazione finanziato dalla Direzione generale per la salute e la sicurezza...

    06-02-2019