• Fao lancia piano d'azione contro l'antibiotico-resistenza

    Print

    Occorre favorire adozione di buone pratiche nel settore agricolo e alimentare

    Batteri %c2%a9 dreaming andy   fotolia.com

    Per combattere l'antibiotico-resistenza occorre migliorare la gestione degli animali e incrementare l'igiene e la biosicurezza negli allevamenti. Ad affermarlo è l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao), che ha elaborato un piano d'azione per fermare la diffusione dei “superbatteri”, ossia dei microrganismi capaci di modificare la propria struttura per sopravvivere all'azione degli antimicrobici. Grazie a quest'abilità, i microbi possono continuare indisturbati a infettare essere umani e animali, rappresentando una seria minaccia per la loro salute.

    “I farmaci antimicrobici giocano un ruolo fondamentale nel trattamento delle malattie degli animali da allevamento e delle piante – scrivono gli esperti Fao -. Il loro uso è essenziale per la sicurezza alimentare, per il nostro benessere e per quello degli animali. Tuttavia, l'abuso di questi farmaci, associato alla comparsa e alla diffusione dei microrganismi resistenti agli antimicrobici, rappresenta un grande rischio per tutti”.

    Il progetto della Fao prevede l'adozione, nel settore agricolo e alimentare, di quattro misure principali:
    1) incrementare la consapevolezza del problema rappresentato dall'antibiotico-resistenza tra gli agricoltori, i produttori alimentari, i veterinari, le autorità politiche e i consumatori;
    2) promuovere la formazione di organismi nazionali incaricati della sorveglianza e del monitoraggio della resistenza antimicrobica, oltre che dell'uso degli antibiotici in agricoltura e nella produzione di alimenti;
    3) rafforzare il controllo del fenomeno dell'antibiotico-resistenza e dell'impiego degli antimicrobici nel comparto agricolo e in quello alimentare;
    4) favore l'adozione di buone pratiche nei sistemi di produzione degli alimenti e in quelli agricoli, promuovendo l'uso prudente degli antimicrobici.

    L'Organizzazione si propone, quindi, di aiutare i governi a realizzare queste iniziative, affinché siano messe in atto entro la prima metà del 2017.

    Foto: © Dreaming Andy - Fotolia.com

    redazione 23-09-2016 Tag: faoantibiotico-resistenzasicurezza alimentarebenessere animalebatteri
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, uso additivi alimentari conforme ai regolamenti

    In Italia l’impiego degli additivi alimentari nelle diverse filiere di produzione è conforme ai regolamenti. Lo sottolinea la “Relazione al Piano nazionale additivi 2015-2018 relativa ai dati 2017” pubblicata dal Ministero della Salute...

    21-10-2018
  • I vantaggi in numeri delle colture Ogm

    L’impiego degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura ha generato vantaggi sociali, sanitari, ambientali ed economici. È quanto emerge da due studi pubblicati sulla rivista GM Crops & Food da Graham Brookes e Peter Barfoot, due...

    20-10-2018
  • Comitato nazionale sicurezza alimentare, al via il rinnovo

    Con il Decreto ministeriale 19 settembre 2018, il Ministro della Salute Giulia Grillo ha disposto il rinnovo del “Comitato nazionale per la sicurezza alimentare (Cnsa)”, scaduto da alcuni mesi. Si tratta di un organo tecnico-consultivo in materia di...

    19-10-2018
  • Il Ministero della Salute lancia il sito dedicato alla ricetta elettronica

    Il Decreto Legge Milleproroghe (Decreto Legge 25 luglio 2018, n. 91) posticipa di 3 mesi l’entrata in applicazione dell’obbligo di ricetta veterinaria elettronica introdotto con Legge 167/2017.A partire dal 1° dicembre 2018 il mondo del farmaco...

    18-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018