• Tecnozoo, come uno Smartphone per la zootecnia italiana

    Print

    L’alta tecnologia applicata alla nutrizione in allevamento

    Tecnozoo welcome

    Trent'anni fa nasceva nel padovano Tecnozoo, un'azienda a conduzione familiare specializzata nella produzione, nella ricerca e nello sviluppo di prodotti problem solving legati alla nutrizione e alla salute animale negli allevamenti. 

    Origini - L'idea di avviare l'impresa venne a Danilo Vanzetto, mentre lavorava insieme al fratello minore Ivano nell'allevamento dei vitelli di famiglia. Il futuro imprenditore propose al fratello di aprire una fabbrica di integratori specifici per risolvere i problemi che anche i migliori allevamenti talvolta sono costretti ad affrontare e quindi accrescere le performance degli animali e la produttività degli allevatori. Ivano decise di sostenere il progetto e nel 1984 fondò insieme a Danilo l'impresa “Tecnozoo” a Piombino Dese, un comune veneto di appena dieci mila abitanti. Nel corso degli anni, entrambi i fratelli hanno messo al mondo sei figli e l’impresa si è allargata con l’inserimento di alcuni di loro in azienda e di numerosi collaboratori che ormai fanno parte della famiglia. 

    Ambito d'attività – Come, al giorno d’oggi, gli smartphone hanno un’app che risolve qualsiasi problematica degli utenti, Tecnozoo ha un prodotto o una consulenza per ciascun problema che anche il migliore degli allevatori può avere nei suoi animali o nelle sue produzioni (enteriti, rese alimentari ed accrescimenti non ottimali, dismicrobismi ruminali ed intestinali, intossicazioni da micotossine, problemi podalici, cellule somatiche elevate, problemi di fertilità della mandria, ecc). Questo permette il miglioramento del benessere e di conseguenza l’aumento delle performance produttive degli animali.

    Nel giro di qualche anno il servizio di Tecnozoo si è esteso, con l’inserimento di tecnici specializzati nelle diverse categoria di animali da reddito: vacche da latte, vitelloni, vitelli a carne bianca, suini, cavalli, avicoli e conigli. Questo permette agli esperti aziendali di approfondire le proprietà specifiche dei diversi animali e le cure che i rispettivi allevamenti richiedono.

    Garanzia totale al cliente – Per essere certi dei risultati, il team di Tecnozoo ha studiato un software che permette all’allevatore, in completa indipendenza e autonomia, di misurare l’efficacia in tempo reale dei prodotti Tecnozoo e il ricavo economico ottenuto.

    Ricerca - L'azienda annovera diversi specialisti che lavorano allo sviluppo di prodotti zootecnici innovativi. In particolare, formulano prodotti che ottimizzano la resa della dieta e stimolano le performance degli animali migliorandone l’accrescimento senza l’impiego degli antibiotici. 

    Prospettive future - “Nei prossimi anni – spiegano Roberta e Michele Vanzetto - continueremo ad affiancare gli allevatori per rendergli sempre più efficiente l’allevamento. Questa strategia è già in opera con i tecnici Tecnozoo da anni, difatti offriamo agli allevatori gratuitamente e prima ancora di iniziare a comprare da noi una diagnosi accurata della loro efficienza alimentare (e quindi economica) in allevamento e solo di seguito il servizio formulistico e una serie di consulenze per il management del proprio allevamento per raggiungere un obiettivo comune.

    L’altra sfida che ci vede in prima linea riguarda le produzioni zootecniche a basso impiego di antibiotici vista la richiesta della normativa europea sull’alimentazione animale.

    Per gli anni a venire vogliamo internazionalizzare sempre di più della nostra azienda, che è già presente in 30 paesi di tutto il Mondo”.

    Nadia Comerci 08-11-2016 Tag: Tecnozoomangimiintegratoriproduttivitàallevamenti
Articoli correlati
  • Suinetti, dall'olio di cannella benefici per l'intestino

    Un olio essenziale in grado di migliorare la funzione intestinale, l'apporto dietetico e la composizione del microbioma dei suinetti appena svezzati. È l'olio di cannella, il supplemento testato da un gruppo di ricercatori internazionale, provenienti dal...

    07-05-2018
  • Commissione Europea: pubblicate Linee guida su trasformazione ex-alimenti in mangimi

    Lo scorso 17 aprile la Commissione Europea ha pubblicato il documento: “Guidelines for the feed use of food no longer intended for human consumption”, che illustra le linee guida per l'uso degli alimenti non più destinati al consumo umano...

    21-04-2018
  • Deforestazione, la posizione di Fefac

    La Federazione dei produttori europei di mangimi composti (Fefac - European Feed Manufacturers' Federation) è favorevole all'analisi condotta dalla Commissione Europea sullo studio di fattibilità delle iniziative per intensificare l'azione dell'UE...

    15-04-2018
  • Gruppo Grigi: “Da oltre 50 anni nel settore mangimistico, copre l’intera filiera agroalimentare”

    “Dalla terra alla tavola”: è questa la filosofia aziendale del “Gruppo Grigi”, che opera da oltre 50 anni nel settore degli alimenti zootecnici e che, ad oggi, copre tutta la filiera agroalimentare. La nascita – Il...

    03-04-2018
  • Mais, la parola alla scienza

    Sono tre gli elementi principali emersi dallo studio sul mais transgenico promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna e dall’Università di Pisa, recentemente pubblicato su Scientific Reports della rivista Nature: la coltivazione di questo mais...

    25-03-2018