Victam
  • Agricoltura, nuovo strumento monitora efficacia dell’utilizzo di acqua

    Print

    Sviluppato dalla Fao, può migliorare efficienza dei sistemi d’irrigazione

    Acqua agricoltura

    L’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) ha sviluppato uno strumento, chiamato WaPOR, capace di misurare l'efficacia dell’utilizzo dell'acqua in agricoltura. Si tratta di un data-base ad accesso libero, che utilizza i dati satellitari forniti in tempo reale da Google Earth, per monitorare la produttività dell'acqua nei campi agricoli. Grazie a questo strumento, gli agricoltori potranno ottenere rendimenti più affidabili e ottimizzare i propri sistemi d’irrigazione.

    “L'uso dell'acqua continua ad aumentare mentre i cambiamenti climatici, che aumentano la frequenza degli episodi di siccità e di temperature estreme, riducono la disponibilità di acqua per l'agricoltura - osserva Maria Helena Semedo, Vice-Direttore Generale della FAO -. Questo induce a tenere sotto controllo le risorse idriche, sottolineando l'importanza di soddisfare le crescenti esigenze alimentari aumentandone l'efficienza”.

    WaPOR consente di analizzare l'acqua utilizzata nei sistemi agricoli, generando prove empiriche su come potrebbe essere utilizzata in modo più produttivo. Nello specifico, elabora i dati satellitari e utilizza la potenza di calcolo di Google Earth per visualizzare mappe che mostrano la quantità di prodotti che si possono ottenere con ogni metro cubo di acqua utilizzata. Le mappe possono essere aggiornate ogni dieci giorni e la loro risoluzione può andare da 30 a 250 metri.

    Lo strumento fornisce valutazioni dettagliate che possono aiutare a monitorare il funzionamento di un insieme selezionato di sistemi di irrigazione. Inoltre, può favorire lo sviluppo di piani di modernizzazione. WaPOR è stato sviluppato per aumentare la produttività agricola dei paesi che hanno pochi bacini fluviali e scarse risorse idriche. Pertanto, attualmente copre i paesi dell'Africa e del Medio Oriente che dovranno affrontare per primi siccità e scarsità d’acqua. Ma presto saranno disponibili anche i dati relativi a Benin, Burundi, Egitto, Etiopia, Ghana, Giordania, Kenya, Libano, Mali, Marocco, Mozambico, Ruanda, Sud Sudan, Tunisia, Uganda, Cisgiordania, Striscia di Gaza e Yemen. A partire da ottobre, i dati forniti saranno ancora più dettagliati e riguarderanno aree pilota in Libano, Etiopia e Mali.

    redazione 02-05-2017 Tag: acquafaorisorse idricheWaPORagricolturacambiamenti climaticisiccità
Articoli correlati
  • Innovazione in agricoltura, necessaria per sopravvivenza del made in Italy agroalimentare

    La ricerca scientifica in agricoltura potrebbe proteggere piante simbolo del made in Italy agroalimentare come grano, riso, ulivo, basilico e pomodoro San Marzano, che oggi rischiano di scomparire. Potrebbe, infatti, rendere queste colture più resistenti...

    22-05-2019
  • Istat, nel 2018 crescita dell’economia agricola

    Nel 2018 il settore dell’agricoltura, della silvicoltura e della pesca ha registrato una crescita dello 0,6% del volume della produzione e dello 0,9% del valore aggiunto. È quanto emerge dal rapporto: “Andamento dell’economia agricola...

    18-05-2019
  • Agricoltura, individuati punti deboli dei nematodi

    Identificati i punti deboli dei nematodi, piccoli parassiti che s’inseriscono nelle radici delle piante ostacolandone lo sviluppo. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plos One dagli scienziati dell'Università del New...

    15-05-2019
  • Agroalimentare italiano, in aumento valore aggiunto e occupazione

    Nel 2018 l'agroalimentare italiano ha registrato una crescita del valore aggiunto, dell'occupazione e delle imprese dirette da giovani. Lo evidenzia il rapporto “AgrOsserva - La congiuntura agroalimentare - IV trimestre 2018” pubblicato...

    12-05-2019
  • Acidificazione oceani, un pericolo per pesca e acquacoltura

    L'acidificazione degli oceani potrebbe danneggiare l'habitat delle specie marine, provocare la perdita della biodiversità e mettere in pericolo la pesca e l'acquacoltura. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Emerging Topics in Life Sciences...

    10-05-2019