• Agricoltura, nuovo strumento monitora efficacia dell’utilizzo di acqua

    Print

    Sviluppato dalla Fao, può migliorare efficienza dei sistemi d’irrigazione

    Acqua agricoltura

    L’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) ha sviluppato uno strumento, chiamato WaPOR, capace di misurare l'efficacia dell’utilizzo dell'acqua in agricoltura. Si tratta di un data-base ad accesso libero, che utilizza i dati satellitari forniti in tempo reale da Google Earth, per monitorare la produttività dell'acqua nei campi agricoli. Grazie a questo strumento, gli agricoltori potranno ottenere rendimenti più affidabili e ottimizzare i propri sistemi d’irrigazione.

    “L'uso dell'acqua continua ad aumentare mentre i cambiamenti climatici, che aumentano la frequenza degli episodi di siccità e di temperature estreme, riducono la disponibilità di acqua per l'agricoltura - osserva Maria Helena Semedo, Vice-Direttore Generale della FAO -. Questo induce a tenere sotto controllo le risorse idriche, sottolineando l'importanza di soddisfare le crescenti esigenze alimentari aumentandone l'efficienza”.

    WaPOR consente di analizzare l'acqua utilizzata nei sistemi agricoli, generando prove empiriche su come potrebbe essere utilizzata in modo più produttivo. Nello specifico, elabora i dati satellitari e utilizza la potenza di calcolo di Google Earth per visualizzare mappe che mostrano la quantità di prodotti che si possono ottenere con ogni metro cubo di acqua utilizzata. Le mappe possono essere aggiornate ogni dieci giorni e la loro risoluzione può andare da 30 a 250 metri.

    Lo strumento fornisce valutazioni dettagliate che possono aiutare a monitorare il funzionamento di un insieme selezionato di sistemi di irrigazione. Inoltre, può favorire lo sviluppo di piani di modernizzazione. WaPOR è stato sviluppato per aumentare la produttività agricola dei paesi che hanno pochi bacini fluviali e scarse risorse idriche. Pertanto, attualmente copre i paesi dell'Africa e del Medio Oriente che dovranno affrontare per primi siccità e scarsità d’acqua. Ma presto saranno disponibili anche i dati relativi a Benin, Burundi, Egitto, Etiopia, Ghana, Giordania, Kenya, Libano, Mali, Marocco, Mozambico, Ruanda, Sud Sudan, Tunisia, Uganda, Cisgiordania, Striscia di Gaza e Yemen. A partire da ottobre, i dati forniti saranno ancora più dettagliati e riguarderanno aree pilota in Libano, Etiopia e Mali.

    redazione 02-05-2017 Tag: acquafaorisorse idricheWaPORagricolturacambiamenti climaticisiccità
Articoli correlati
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019
  • 60° anniversario Fefac, focus su fonti proteiche e cambiamenti climatici

    Per celebrare il suo 60° anniversario, Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha organizzato l’evento “Resource efficiency champions of the food chain for 60 years”, che si è svolto il 6 giugno a Bruxelles (Belgio) e si...

    15-06-2019
  • Produzione mondiale cereali, previsto nuovo record nel 2019

    Nel 2019 la produzione mondiale di cereali dovrebbe toccare un nuovo record, raggiungendo 2.722 milioni di tonnellate, 71 milioni di tonnellate in più rispetto al 2018. È quanto emerge dal rapporto “Fao Cereal supply and demand brief”...

    01-06-2019