• Consumi alimentari, registrata lieve crescita nel primo trimestre 2017

    Print

    Ancora in calo la spesa per carne e prodotti lattiero-caseari. Cresce l'acquisto dei prodotti ittici

    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Nel primo trimestre del 2017 i consumi alimentari delle famiglie italiane sono tornati a crescere. La spesa per gli acquisti agroalimentari è, infatti, aumentata dello 0,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Lo evidenzia il rapporto “Consumi alimentari – I consumi domestici delle famiglie italiane” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui la tendenza positiva è stato trainata dall'incremento dei consumi dei prodotti confezionati (+1,6%). Questa categoria, precisa Ismea, incide per oltre i due terzi (68%) sul carrello della spesa.

    L'analisi rileva che nell'ambito dei prodotti confezionati (provvisti di codice EAN), è cresciuto soprattutto l'acquisto di frutta fresca (+8,7%), ortaggi (+6,6%) e prodotti ittici (+2,9%). Anche i consumi dei salumi in vaschetta sono aumentati del 6%. L'acquisto dei prodotti freschi a "peso variabile" (senza codice EAN), invece, è diminuito del 2,4% su base annua, soprattutto a causa dei forti cali dei prodotti serviti al banco della carne (-5,4%), dei formaggi (-8,8%) e dei salumi (-6,3%).

    Nello specifico, nel primo trimestre 2017 i prodotti ittici hanno costituito l’8,2% della spesa agroalimentare complessiva delle famiglie italiane. In particolare, è cresciuto del 7,4% il consumo di pesce fresco, ma è aumentata anche la spesa per le conserve di pesce (+1,9%) e per il pesce congelato (+0,7%). Risulta in flessione, invece, la spesa per i prodotti ittici affumicati ed essiccati (-13%).

    Per quanto riguarda la spesa destinata alle carni, è diminuito l'acquisto delle carni fresche di suino (-4,6%) e delle carni fresche bovine (-1,3%), mentre torna a crescere la spesa per le carni bianche (+0,4%). Appare negativo anche il bilancio del comparto lattiero-caseario, che registra una flessione del -3,7% nei primi tre mesi del 2017. In particolare, si rileva una contrazione della spesa del 3,3% per il latte (-5,3% per il latte fresco e -2,3% per quello dell’UHT) e del 4,5% di quella per i formaggi (-5,1% per i freschi, -4,8% per i duri, -4,7% per i semiduri e -3,2% per i molli).

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    redazione 12-06-2017 Tag: consumi alimentaricarnepesceprodotti lattiero-caseariIsmea
Articoli correlati
  • Export salumi: Italia conquista leadership mondiale

    Nel 2016 l'Italia ha conquistato la leadership mondiale nel campo delle esportazioni di preparazioni e conserve suine. Con un valore complessivo di quasi 1,38 miliardi di euro, è riuscita infatti a superare la Germania e a conquistare il primo posto nella...

    19-06-2017
  • Settore suinicolo, prosegue trend positivo

    Prosegue la ripresa del settore suinicolo: dopo aver chiuso in positivo nel 2016, il comparto ha registrato un andamento favorevole anche durante i primi tre mesi di quest'anno. È quanto emerge dal rapporto “Tendenze suino” pubblicato da Ismea...

    07-06-2017
  • La disponibilità nazionale di carni nel 2016

    Tradizionalmente nei primi mesi di ciascun anno l’Istituto nazionale di statistica (ISTAT) diffonde i risultati dell’indagine campionaria sulle consistenze animali (bovini, bufalini, suini, ovini, caprini e suini riferiti al mese di dicembre...

    05-06-2017
  • Agroalimentare made in Italy, aumentato del 4,2% l'export verso gli Usa

    Nei primi mesi del 2017 gli scambi commerciali con gli Stati Uniti sono aumentati di 24 milioni di euro, grazie all'incremento delle esportazioni (+ 4,2%) e alla stabilità delle importazioni (-0,3%). Lo evidenzia il rapporto “Interscambio...

    29-05-2017
  • Ribasso dei prezzi delle materie prime alimentari ad aprile

    L’attesa di produzioni ingenti di molti prodotti essenziali ha determinato un calo dei prezzi delle materie prime alimentari ad aprile. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che...

    23-05-2017