• Commercio agricolo, la definizione degli standard alimentari dev'essere condivisa

    Print

    Lo sostengono la Fao e l’Omc

    Agricoltura cereali %c2%a9 jpchret   fotolia.com

    Per poter trarre vantaggio dal commercio mondiale in piena espansione e per prepararsi agli imminenti cambiamenti tecnologici, i Paesi devono partecipare allo sviluppo degli standard alimentari internazionali per gli scambi commerciali. Lo sostiene il rapporto “Trade and Food Standards” pubblicato dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (Fao) e dall'Organizzazione Mondiale del Commercio (Omc).

    “Quando gli standard alimentari e il commercio internazionale operano insieme, contribuiscono a garantire la sicurezza alimentare e a migliorare la nutrizione in tutto il mondo - afferma Roberto Azevêdo, Direttore Generale dell'Omc -. Questo può aiutare a promuovere la crescita e lo sviluppo, e a perseguire alcuni dei nuovi obiettivi di sviluppo sostenibile”.

    Secondo il documento, le nazioni in via di sviluppo, in particolare, dovrebbero impegnarsi per entrare a fare parte di istituzioni e organismi multilaterali come l'Omc e il Codex Alimentarius Commission - l’organismo internazionale incaricato della definizione degli standard alimentari diretti a proteggere la salute dei consumatori e a garantire la correttezza degli scambi internazionali di cibo.

    L’Omc e la Fao precisano, inoltre, che un maggiore coinvolgimento dei Paesi nella definizione delle norme commerciali potrebbe anche rendere più inclusivo il mercato agricolo - che comporta un giro d’affari di 1,7 trilioni di dollari -, consentendo ai piccoli produttori di partecipare a operazioni su vasta scala. Per raggiungere questo obiettivo, i governi devono però prestare maggiore attenzione a questi temi e ottenere il consenso della popolazione sulle regole prioritarie relative alle politiche alimentari.

    "La sicurezza alimentare e gli standard alimentari sono fondamentali per sbloccare il commercio, che rappresenta un potenziale strumento per combattere la fame - dichiara José Graziano da Silva, Direttore Generale della Fao -. I settori pubblici e privati, gli operatori di tutte le parti della catena alimentare, le organizzazioni della società civile, le organizzazioni accademiche e quelle che si occupano di ricerca svolgono tutti un ruolo fondamentale nello sviluppo di sistemi forti e credibili della gestione della sicurezza alimentare”.

    Foto: © JPchret - Fotolia.com

    red. 21-07-2017 Tag: faoomcscambi internazionaliagricolturasicurezza alimentaresostenibilità
Articoli correlati
  • La zootecnia moderna coniuga sostenibilità ambientale e produzione

    Una giornata di studi sulla sostenibilità ambientale, l’evoluzione delle pratiche d’allevamento e la ricerca continua per stare al passo con le esigenze alimentari mondiali. È questo il quadro di riferimento dentro il quale si inserisce...

    22-01-2018
  • Allevamento animale e sostenibilità ambientale: un volume promosso da Assalzoo e Aspa

    Si è svolta il 16 gennaio scorso a Milano la presentazione del volume “Allevamento animale e sostenibilità ambientale – I principi”, promosso da Assalzoo (Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici) e Aspa...

    21-01-2018
  • UE, previsto aumento produzione cereali entro 2030

    L’incremento della domanda di mangimi dovrebbe favorire la crescita della produzione europea di cereali, che entro il 2030 dovrebbe raggiungere i 341 milioni di tonnellate. È quanto emerge dal rapporto “E.U. agricultural outlook – For...

    19-01-2018
  • Materie prime alimentari, a dicembre quotazioni in ribasso

    Nel mese di dicembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti del 3,3%, soprattutto a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Tuttavia, nel corso del 2017 sono aumentati, in media, dell'8,2% rispetto al 2016....

    17-01-2018
  • Usa, nel 2018 aumenta coltivazione della soia

    Negli Stati Uniti la superficie di terreno agricolo destinata alla coltivazione della soia dovrebbe raggiungere il valore record di 91 milioni di ettari nel 2018. Dovrebbe, quindi, eguagliare l’area destinata alla semina del mais. Lo comunicano gli...

    12-01-2018