• Usa, raccolto in ritardo e colture di qualità inferiore

    Print

    Lo evidenzia il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti

    Grano cereali %c2%a9 dusan kostic   fotolia.com

    La crescita e la qualità delle colture statunitensi sono inferiori alle aspettative. Lo comunica nel rapporto “Crop progress” il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), come riportato dal sito Feednavigator. Secondo il documento, lo sviluppo di diverse colture procede a rilento e i cereali prodotti quest’anno appaiono meno buoni, dal punto di vista qualitativo, rispetto a quelli dell’anno scorso.

    Il Dipartimento sottolinea che circa il 67% delle colture di mais ha raggiunto la fase della seta, una quantità inferiore rispetto all'anno scorso e ai tassi medi di sviluppo. Circa l'8% della coltura ha raggiunto la fase d’impasto: anche in questo caso la percentuale risulta indietro rispetto ai valori medi e a quello registrato l’anno scorso. Dalla scorsa settimana sono anche peggiorate le condizioni del mais destinato alla produzione dei mangimi: circa il 62% del granturco ha ottenuto una valutazione “buona” o “ottima”, mentre la settimana precedente la percentuale arrivava al 64% e lo scorso anno al 76%.

    L’Usda precisa che circa il 69% della coltivazione di soia ha cominciato a fiorire, con una velocità leggermente superiore alla media, ma il tasso di produzione appare inferiore a quello dello scorso anno. Circa il 29% della coltivazione di soia ha cominciato a produrre i baccelli. Circa il 57% della coltura di soia ha ricevuto una valutazione “buona” o “ottima”, registrando un calo rispetto alla valutazione della scorsa settimana, che arrivava al 61%.

    Per quanto riguarda l’orzo, il Dipartimento precisa che la maggior parte di questa coltura ha raggiunto livelli del 97%. Circa il 51% della coltura è considerato “buona” o “eccellente”, una percentuale inferiore al 53% registrato la scorsa settimana e al 73% dello stesso periodo dell’anno passato.

    L’Usda evidenzia che a questo punto dell’anno la maggior parte del grano invernale è stato raccolto, circa l'84%, mentre la semina di quello primaverile è quasi terminata: resta da piantare solo il 4% della coltura. Le valutazioni del grano primaverile statunitense continuano a scendere: l'anno scorso in questo periodo circa il 68% del raccolto era stato classificato come “ottimo” o “eccellente”, mentre la settimana precedente soltanto il 34% e questa settimana solo il 33%.

    Infine, procede a rilento anche la crescita del sorgo. È spuntato solo il 38% delle piante, in ritardo rispetto alla media stagionale. Circa il 21% della coltivazione ha iniziato a prendere colore. Anche in questo caso, le valutazioni della coltura sono peggiorate: circa il 59% del sorgo ha ottenuto un giudizio “buono” o “ottimo”, rispetto al 63% della scorsa settimana e al 65% dell’anno precedente.

    Foto. © Dusan Kostic - Fotolia.com

    redazione 01-08-2017 Tag: cerealiCOLTUREUSDAmaissoiagranoorzosorgo
Articoli correlati
  • Mais e soia, prezzi in calo

    A partire dal mese di luglio, i prezzi del mais e della soia hanno subito una flessione. Lo evidenzia il rapporto: “Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    16-11-2017
  • Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si...

    13-11-2017
  • Ridistribuire 14 colture per soddisfare fabbisogno nutrizionale di quasi un miliardo di persone

    Modificare la distribuzione globale di 14 colture potrebbe permettere di soddisfare il bisogno di cibo di altri 825 milioni di persone e di ridurre il consumo idrico. Lo evidenzia uno studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience dagli scienziati...

    08-11-2017
  • Commodities alimentari, prezzi in ribasso a settembre

    A ottobre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa della flessione dei listini dei prodotti lattiero-caseari. Ma sono scesi anche quelli di carne, oli vegetali e zucchero. In media, le quotazioni delle commodities risulta...

    06-11-2017
  • Fediol e Fefac: workshop sulla produzione responsabile della soia

    Il 25 ottobre si è svolto il “5th Workshop on Responsible Soy & Deforestation”, organizzato da Fefac (la federazione dei produttori europei di mangimi) e da Fediol (la federazione europea dei produttori di alimenti proteici e di oli...

    03-11-2017