• Export formaggi italiani, raggiunto nuovo record nel primo semestre 2017

    Print

    Aumentano soprattutto le vendite negli Usa, cresciute del 13% rispetto ai primi sei mesi del 2016

    Formaggi

    Nel primo semestre 2017 le esportazioni di formaggi italiani hanno raggiunto un nuovo record: sono state esportate 202.243 tonnellate di prodotti a fronte di oltre 1,27 miliardi di euro di introiti, con un incremento del 7,7% in volume e del 9,5% in valore rispetto ai primi sei mesi dello scorso anno. Lo comunica l’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui l'Italia si conferma il quarto paese esportatore di formaggi a livello mondiale, dietro Germania, Francia e Paesi Bassi, piazzandosi davanti agli Stati Uniti.

    L’Istituto sottolinea le performance particolarmente positive registrate dai formaggi freschi (inclusa la mozzarella), che tra gennaio e giugno 2017 hanno riportato una crescita del10,7% in volume e del 12,2% in valore rispetto al primo semestre 2016. Sono cresciute anche le esportazioni di Grana padano e Parmigiano reggiano, che registrano un incremento dell’1,2% in volume e del 10,1% in valore, che hanno recuperato terreno soprattutto sul fronte dei prezzi medi unitari all'export. Rilevanti anche le vendite all’estero dei formaggi grattugiati, aumentate del 14,7% in volume e del 19,1% in valore.

    I primi tre mercati di destinazione dei formaggi italiani si confermano la Francia, la Germania e il Regno Unito, ma l'Italia consolida la propria leadership soprattutto negli Stati Uniti (che si classifica al 4° posto), dove nei primi sei mesi del 2017 sono state vendute 17.800 tonnellate di formaggi, il 13% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La crescita del made in Italy caseario appare inoltre sostenuta in altri promettenti mercati d'oltreoceano: le vendite in Giappone sono aumentate del 12% in volume, quelle in Canada dell’8% e quelle in Cina del 30%.

    red. 22-09-2017 Tag: exportmade in Italyformaggiprodotti lattiero-caseariIsmea
Articoli correlati
  • Frumento, lieve calo dei prezzi a settembre

    Dopo l’incremento dei prezzi all’origine del frumento tenero e del frumento duro registrato a luglio, a settembre i listini di entrambi i cereali sono tornati a scendere. È quanto emerge dal rapporto “Tendenze frumento” pubblicato...

    17-10-2017
  • Bovini da carne, mercato in ripresa

    Dopo anni di crisi, il mercato dei bovini mostra segni di ripresa. Nei primi 9 mesi del 2017, sono infatti aumentati i prezzi di tutte le categorie dei bovini da carne: i listini delle vacche hanno registrato un rialzo dell’11%, quelli dei vitelloni del 5%...

    16-10-2017
  • Materie prime alimentari, a settembre quotazioni in rialzo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari hanno registrato un lieve rialzo. La riduzione dei listini dei cereali di base è stata, infatti, compensata dall’aumento delle quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo...

    13-10-2017
  • Nicola Baldrighi: In difesa del Made in Italy, senza protezionismi e d'intesa con gli altri Paesi

    Da pochi mesi è diventato presidente dell'Aicig, l'Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche (Aicig). Nicola Baldrighi illustra gli obiettivi del suo mandato, l'attività dei consorzi di tutela in un mercato agroalimentare sottoposto...

    02-10-2017
  • Ismea: nel primo semestre +6,7% di import ed export dei prodotti agroalimentari

    Andamenti positivi nella bilancia commerciale nel settore agroalimentare italiano. Nel primo semestre del 2017 - riferisce Ismea - su base annua sono cresciute del 6,7% tanto le esportazioni quanto le importazioni. In crescita il flusso di prodotti nazionali...

    30-09-2017