• Fediol e Fefac: workshop sulla produzione responsabile della soia

    Print

    Illustrate le misure adottare per promuovere buone pratiche agricole

    Soia

    Il 25 ottobre si è svolto il “5th Workshop on Responsible Soy & Deforestation”, organizzato da Fefac (la federazione dei produttori europei di mangimi) e da Fediol (la federazione europea dei produttori di alimenti proteici e di oli vegetali, dei titolari dei frantoi, dei raffinatori e degli imbottigliatori) per sostenere la produzione responsabile della soia. Durante l’incontro, cui hanno preso parte imprenditori, autorità pubbliche e soggetti interessati provenienti da diverse parti del mondo, sono state presentate le iniziative intraprese dalle organizzazioni dei produttori di soia in Brasile e Argentina per promuovere la conformità legale e le buone pratiche in agricoltura. Inoltre, i rappresentanti europei della catena di approvvigionamento della soia hanno illustrato gli sforzi compiuti per favorire la transizione del mercato verso la produzione e il commercio di soia prodotta in modo sostenibile.

    In questa occasione, i rappresentanti del governo brasiliano e dei produttori di soia hanno descritto ai colleghi europei l'evoluzione della legislazione ambientale e la sua rigorosa applicazione negli ultimi 10 anni, attraverso l'attuazione obbligatoria continua del Rural Environmental Registry (CAR) e l’impiego di sofisticati strumenti analitici per contrastare la deforestazione illegale. Inoltre, gli esperti intervenuti durante il workshop hanno sottolineato la necessità che i membri a valle della catena di produzione e approvvigionamento della soia facciano in modo che gli impegni profusi si traducano in un effettivo aumento della richiesta sul mercato di soia prodotta in modo responsabile. È stato anche sollecitato un maggior impegno da parte dei governi comunitari e nazionali a fornire gli incentivi necessari agli agricoltori di soia per proteggere la vegetazione autoctona.

    Il rappresentante dell’Earth Innovation Institute si è congratulato con i firmatari (Aprosoja, Abiove, Fefac, Fediol e Idh)del protocollo d’intesa per il sostegno della produzione responsabile della soia in Brasile e per favorirne il commercio nel mercato europeo. Si tratta della prima collaborazione su larga scala che permette di premiare gli agricoltori che tutelano l’ambiente grazie a iniziative come le linee guida “Soy Sourcing Guidelines” elaborate da Fefac e il programma “Soja Plus”. Infine, Idh (Sustainable Trade Initiative) ha condiviso la sua idea di un approccio progressivo verso un approvvigionamento sostenibile della soia, che inizia con il promuovere la conformità alle leggi in agricoltura.

    red. 03-11-2017 Tag: FEFACFediolsoiaproduzione responsabilesostenibilitàagricolturadeforestazione
Articoli correlati
  • Gli sforzi internazionali nella lotta all'antibiotico-resistenza

    Gli sforzi compiuti a livello internazionale nelle imprese agricole e nei sistemi alimentari per combattere l'antibiotico-resistenza sono sempre più incisivi. Lo sostiene l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite...

    21-11-2017
  • Mais e soia, prezzi in calo

    A partire dal mese di luglio, i prezzi del mais e della soia hanno subito una flessione. Lo evidenzia il rapporto: “Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui...

    16-11-2017
  • Fao, la piattaforma per l'agricoltura sostenibile

    L’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) ha lanciato la nuova piattaforma web “Climate-Smart Agriculture Sourcebook”, volta ad aumentare la sostenibilità dei sistemi alimentari. Lo ha annunciato...

    14-11-2017
  • Ogm in Italia, cronistoria di un rapporto complicato

    Dallo stop agli Ogm del 2013 del governo italiano alla sentenza della Corte di Giustizia Europea dello scorso 13 settembre che segna un punto a favore per i pro-Ogm. Nel mezzo l'approvazione della direttiva comunitaria che consente agli Stati membri di opporsi...

    13-11-2017
  • Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si...

    13-11-2017