• Commodities alimentari, prezzi in ribasso a settembre

    Print

    Scendono le quotazioni di tutti i prodotti, tranne quelle dei cereali

    Mercato ortofrutticolo

    A ottobre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa della flessione dei listini dei prodotti lattiero-caseari. Ma sono scesi anche quelli di carne, oli vegetali e zucchero. In media, le quotazioni delle commodities risulta inferiore del 27% rispetto al valore massimo raggiunto all'inizio del 2011. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che a ottobre l'Indice dei prezzi alimentari della Fao ha segnato una media di 176,4 punti, registrando un calo dell'1,3% rispetto al mese di settembre. Tuttavia, resta al di sopra del 2,5% rispetto al valore registrato nello stesso periodo dell'anno scorso.

    Nel dettaglio, l'Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari è diminuito del 4,2%, registrando il primo calo a partire dal mese di maggio. La flessione è dovuta al ribasso delle quotazioni internazionali del burro e del latte intero in polvere, causata dalla sospensione degli acquisti da parte degli importatori, rimasti in attesa di nuove forniture dall'Oceania. Inoltre, la scarsa domanda e le ampie scorte d'intervento nell'Unione Europea hanno fatto scendere i prezzi del latte scremato in polvere.

    In calo anche l'Indice Fao dei prezzi della carne, diminuito dello 0,9% rispetto a settembre. La riduzione è dovuta al fatto che un'intensificata concorrenza tra gli esportatori di carni suine, combinata con una debole domanda d'importazioni, ha indebolito le quotazioni internazionali.

    L'Indice Fao dei prezzi cerealicoli è invece aumentato dello 0,4% rispetto al mese precedente, grazie all’aumento delle quotazioni del riso, anche se quelle del grano sono state, in genere, più basse.

    Anche l'Indice Fao dei prezzi degli oli vegetali è sceso, registrando una flessione dell'1,1% rispetto al valore di settembre, a causa del calo dei listini dell'olio di palma e di quello di soia, dovuto alle prospettive di produzione positive.

    Infine, rispetto a settembre è diminuito anche l'Indice Fao dei prezzi dello zucchero, sceso dello 0,7% a causa dell'indebolimento della moneta brasiliana - il Brasile è il maggiore esportatore mondiale -, e dalle prospettive di una più ampia produzione di barbabietole nell'Unione Europea e nella Federazione Russa.

    red. 06-11-2017 Tag: materie primefaocarnecerealiprodotti lattiero-caseariprezzi
Articoli correlati
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • Alleanza di filiera: Assalzoo, Anacer, Assitol e Italmopa per costruire una strategia comune

    Un impulso per una nuova collaborazione nella filiera agroalimentare arriva dal Protocollo d'intesa firmato da Assalzoo, Anacer, Assitol e Italmopa. Le quattro associazioni, in rappresentanza di più di trecento aziende, hanno firmato un accordo di...

    09-08-2018
  • Antibiotico-resistenza, la situazione a livello mondiale

    La lotta contro l’antibiotico-resistenza sta compiendo significativi passi avanti, anche se permangono serie lacune che richiedono azioni urgenti. È quanto emerge dal rapporto “Monitoring global progress on antimicrobial resistance”...

    02-08-2018
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018
  • Produzione ittica mondiale, in crescita nei prossimi 10 anni

    Nel prossimo decennio la produzione ittica mondiale dovrebbe continuare a crescere, nonostante si sia stabilizzata la quantità di pesci catturati in natura e stia rallentando l’espansione dell'acquacoltura. Lo evidenzia il rapporto: “The state...

    19-07-2018