• Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Print

    Settore zootecnico e comparto lattiero-caseario mostrano grande dinamicità

    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si siano mantenuti generalmente stabili. È quanto emerge dal rapporto “Food Outlook” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui l’incremento sarebbe determinato dalla crescita della domanda internazionale della maggior parte dei prodotti alimentari e dai tassi di trasporto più elevati.

    La Fao precisa che i maggiori costi d'importazione arrivano in un momento in cui le scorte sono ingenti, le previsioni di raccolto sono elevate e i mercati dei prodotti alimentari restano ben forniti. Aggiunge che mentre le tendenze di produzione sono generalmente ampie, i prezzi medi delle transazioni internazionali possono mascherare tendenze più specifiche. Per esempio, anche se i prezzi del grano internazionale sono rimasti stabili, nel luglio 2017 il grano americano Hard Red Spring - una varietà popolare di alta qualità che contiene una quantità di proteine sufficiente per produrre la pasta - era più alto del 40% rispetto all’anno scorso. Anche le varietà di riso aromatico sono aumentate otto volte più velocemente rispetto all'Indice Fao del riso, che quest'anno è aumentato del 4%.

    La Fao precisa che anche il settore zootecnico e quello lattiero-caseario sono particolarmente dinamici. Nel 2017 l'Indice Fao dei prezzi del burro è salito finora del 41%, più di tre volte rispetto all'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari di cui è una componente. Inoltre, quest'anno i costi d'importazione della carne dovrebbero raggiungere l'aumento storico record di 176 miliardi di dollari, registrando una crescita del 22% rispetto al 2016.

    Sembra destinata ad aumentare anche la produzione mondiale di latte, che dovrebbe crescere dell'1,4%, grazie a una robusta espansione del 4% in India, anche se regolamentazioni ambientali più severe e controlli di qualità in Cina potrebbero determinare una contrazione. È previsto un leggero aumento anche della produzione mondiale di oli vegetali, mentre la produzione globale di soia, nonostante l’incremento delle semine nell'emisfero settentrionale, dovrebbe diminuire. I rendimenti del legume dovrebbero tornare ai livelli normali dopo le condizioni meteorologiche ottimali dello scorso anno.

    Foto: © candy1812 - Fotolia.com

    red. 13-11-2017 Tag: carnezootecniacerealisoiagranoprodotti lattiero-casearifaocosti d'importazione
Articoli correlati
  • Stati Uniti, la maturazione del mais è rallentata

    L’ultimo report del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti dello scorso 8 luglio ha aggiornato le fasi di sviluppo delle colture foraggere. Se la semina del mais è terminata, la coltura subisce ancora gli effetti di una stagione...

    17-07-2019
  • Borriello (Ismea): “Bando di finanza agevolata, la zootecnia fra i comparti più coinvolti”

    Il bando per il finanziamento da 100 milioni di euro messo a punto da Ismea ha suscitato grande interesse fra le aziende agroalimentari alla ricerca di maggiore competitività. Tra i settori che più di altri sono stati sollecitati...

    15-07-2019
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Fao, aumento della domanda ma prezzi materie prime stabili

    Domanda in aumento, crescita ancora più rapida della produttività e prezzi delle materie prime ai livelli attuali o più bassi. Nei prossimi dieci anni potrebbe essere questo lo scenario del mercato agricolo secondo le previsioni...

    13-07-2019
  • Uova, come aumentare la presenza di vitamina D

    Esporre il pollame alla luce UV per 6 ore al giorno potrebbe accrescere la presenza di vitamina D nelle uova di 3-4 volte. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Poultry Science dai ricercatori della Martin Luther University Halle-Wittenberg di Halle...

    11-07-2019