• Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Print

    Settore zootecnico e comparto lattiero-caseario mostrano grande dinamicità

    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si siano mantenuti generalmente stabili. È quanto emerge dal rapporto “Food Outlook” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui l’incremento sarebbe determinato dalla crescita della domanda internazionale della maggior parte dei prodotti alimentari e dai tassi di trasporto più elevati.

    La Fao precisa che i maggiori costi d'importazione arrivano in un momento in cui le scorte sono ingenti, le previsioni di raccolto sono elevate e i mercati dei prodotti alimentari restano ben forniti. Aggiunge che mentre le tendenze di produzione sono generalmente ampie, i prezzi medi delle transazioni internazionali possono mascherare tendenze più specifiche. Per esempio, anche se i prezzi del grano internazionale sono rimasti stabili, nel luglio 2017 il grano americano Hard Red Spring - una varietà popolare di alta qualità che contiene una quantità di proteine sufficiente per produrre la pasta - era più alto del 40% rispetto all’anno scorso. Anche le varietà di riso aromatico sono aumentate otto volte più velocemente rispetto all'Indice Fao del riso, che quest'anno è aumentato del 4%.

    La Fao precisa che anche il settore zootecnico e quello lattiero-caseario sono particolarmente dinamici. Nel 2017 l'Indice Fao dei prezzi del burro è salito finora del 41%, più di tre volte rispetto all'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari di cui è una componente. Inoltre, quest'anno i costi d'importazione della carne dovrebbero raggiungere l'aumento storico record di 176 miliardi di dollari, registrando una crescita del 22% rispetto al 2016.

    Sembra destinata ad aumentare anche la produzione mondiale di latte, che dovrebbe crescere dell'1,4%, grazie a una robusta espansione del 4% in India, anche se regolamentazioni ambientali più severe e controlli di qualità in Cina potrebbero determinare una contrazione. È previsto un leggero aumento anche della produzione mondiale di oli vegetali, mentre la produzione globale di soia, nonostante l’incremento delle semine nell'emisfero settentrionale, dovrebbe diminuire. I rendimenti del legume dovrebbero tornare ai livelli normali dopo le condizioni meteorologiche ottimali dello scorso anno.

    Foto: © candy1812 - Fotolia.com

    red. 13-11-2017 Tag: carnezootecniacerealisoiagranoprodotti lattiero-casearifaocosti d'importazione
Articoli correlati
  • Grano, il segreto genetico dell'adattamento

    Individuato il segreto genetico che conferisce al grano la sua notevole capacità di adattamento. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Genome Research da un gruppo di ricerca tedesco-britannico coordinato da Anthony Hall...

    18-09-2018
  • Materie prime alimentari, prezzi stabili in agosto

    Nel mese di agosto i prezzi delle materie prime alimentari sono rimasti stabili: l’aumento dei listini dei cereali è stato compensato dal calo delle quotazioni di prodotti lattiero-caseari, oli vegetali e zuccheri. Lo comunica l’Organizzazione...

    14-09-2018
  • Fao: assistenza agricola contro fame e insicurezza alimentare

    Per contrastare la fame e garantire la sicurezza alimentare occorre offrire assistenza agricola alle popolazioni più vulnerabili. Lo sostiene il rapporto: “Underfunded appeals - Mid-year update July 2018” pubblicato dall'Organizzazione delle...

    13-09-2018
  • I formaggi hanno più di settemila anni

    Gli umani hanno iniziato a mangiare il formaggio più di 7mila anni fa. Lo rivela uno studio pubblicato su Plos One dai ricercatori dell’Università statale della Pennsylvania di University Park (Usa), che hanno ritrovato tracce di prodotti...

    12-09-2018
  • Commodities alimentari, flessione dei prezzi a luglio

    A luglio i prezzi di tutte le materie prime alimentari sono scesi. Il calo più evidente lo hanno registrato le quotazioni dei prodotti lattiero-caseari e dello zucchero, ma sono diminuiti anche quelli di carne, cereali e oli vegetali. Lo evidenzia...

    05-09-2018