• Fao: aumentano costi delle importazioni alimentari

    Print

    Settore zootecnico e comparto lattiero-caseario mostrano grande dinamicità

    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    Nel 2017 il costo delle importazioni alimentari dovrebbe aumentare del 6% rispetto allo scorso anno, fino a raggiungere i 1.413 trilioni di dollari. Si tratta del secondo record registrato sinora, che giunge nonostante i prezzi delle materie prime alimentari si siano mantenuti generalmente stabili. È quanto emerge dal rapporto “Food Outlook” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui l’incremento sarebbe determinato dalla crescita della domanda internazionale della maggior parte dei prodotti alimentari e dai tassi di trasporto più elevati.

    La Fao precisa che i maggiori costi d'importazione arrivano in un momento in cui le scorte sono ingenti, le previsioni di raccolto sono elevate e i mercati dei prodotti alimentari restano ben forniti. Aggiunge che mentre le tendenze di produzione sono generalmente ampie, i prezzi medi delle transazioni internazionali possono mascherare tendenze più specifiche. Per esempio, anche se i prezzi del grano internazionale sono rimasti stabili, nel luglio 2017 il grano americano Hard Red Spring - una varietà popolare di alta qualità che contiene una quantità di proteine sufficiente per produrre la pasta - era più alto del 40% rispetto all’anno scorso. Anche le varietà di riso aromatico sono aumentate otto volte più velocemente rispetto all'Indice Fao del riso, che quest'anno è aumentato del 4%.

    La Fao precisa che anche il settore zootecnico e quello lattiero-caseario sono particolarmente dinamici. Nel 2017 l'Indice Fao dei prezzi del burro è salito finora del 41%, più di tre volte rispetto all'Indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari di cui è una componente. Inoltre, quest'anno i costi d'importazione della carne dovrebbero raggiungere l'aumento storico record di 176 miliardi di dollari, registrando una crescita del 22% rispetto al 2016.

    Sembra destinata ad aumentare anche la produzione mondiale di latte, che dovrebbe crescere dell'1,4%, grazie a una robusta espansione del 4% in India, anche se regolamentazioni ambientali più severe e controlli di qualità in Cina potrebbero determinare una contrazione. È previsto un leggero aumento anche della produzione mondiale di oli vegetali, mentre la produzione globale di soia, nonostante l’incremento delle semine nell'emisfero settentrionale, dovrebbe diminuire. I rendimenti del legume dovrebbero tornare ai livelli normali dopo le condizioni meteorologiche ottimali dello scorso anno.

    Foto: © candy1812 - Fotolia.com

    red. 13-11-2017 Tag: carnezootecniacerealisoiagranoprodotti lattiero-casearifaocosti d'importazione
Articoli correlati
  • Suini, mercato in crescita nel 2018

    La costante crescita dell'economia mondiale alimenta la domanda di carne suina in molti Paesi, mentre i prezzi relativamente bassi dei mangimi continuano a garantire i margini dei produttori. Lo evidenzia il rapporto: “Tendenze Suino” pubblicato da...

    23-06-2018
  • Scontro sui dazi tra Usa e Cina, il ruolo della soia

    La minaccia degli Stati Uniti d’imporre un dazio del 25% sulle merci provenienti dalla Cina che contengono “tecnologie industrialmente significative” ha indotto il Paese asiatico a redigere una lista di prodotti statunitensi che, come...

    22-06-2018
  • Fao, studi e pubblicazioni consultabili da tutti

    L’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) intende incentivare l’accesso al suo patrimonio di conoscenze tramite una nuova politica che promuove l'uso, la riproduzione e la diffusione delle sue pubblicazioni. Ha...

    21-06-2018
  • Produzione europea di cereali, previsto ribasso nel 2018

    Nel 2018 la produzione europea di cereali dovrebbe essere inferiore alle aspettative: dovrebbe fermarsi a 299,1 milioni di tonnellate, mentre le precedenti stime prevedevano il raggiungimento di 302,5 milioni di tonnellate. Lo afferma Coceral (l'associazione...

    13-06-2018
  • Comunità Europea, top trader dei prodotti dell'agri-food

    Nel 2017 il valore degli scambi commerciali europei di prodotti agroalimentari ha raggiunto i 255 miliardi di euro, facendo conquistare all’Unione Europea il primato di maggiore esportatore e importatore mondiale di questi beni. Lo evidenzia il rapporto:...

    12-06-2018