• Fao, la conoscenza al centro dell'agricoltura di domani

    Print
    Agricoltura trattore %c2%a9 pershing   fotolia.com

    La conoscenza è fondamentale per il futuro dell'agricoltura e della lotta contro la fame. Lo ha evidenziato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), durante l’incontro: “A sustainable food future” che si è svolto a Londra su iniziativa della Chatham House, sul tema del ricorso alla tecnologia e alle innovazioni come mezzi per combattere la denutrizione, affrontare i cambiamenti climatici e salvaguardare le risorse naturali.

    “Il futuro dell'agricoltura non è ‘input-intensive’, ma ‘knowledge-intensive’ – ha affermato il DG della Fao -. Questo è il nuovo paradigma. Gli attuali sistemi alimentari non si sono dimostrati capaci di eliminare la fame nel mondo. Abbiamo bisogno di promuovere l'innovazione e di attuare pratiche sostenibili, in grado di fornire, nello stesso tempo, cibo nutriente e accessibile, servizi ecosistemici e resilienza ai cambiamenti climatici”.

    L’esperto ha osservato che negli ultimi decenni la produzione alimentare è aumentata, ma a un costo elevato per l'ambiente: questo processo ha generato deforestazione, carenza idrica, impoverimento del suolo e alti livelli di emissioni di gas serra. D'ora in avanti, ha dichiarato da Silva, “il nutrimento delle persone deve andare di pari passo con quello del pianeta”.

    Per fare in modo che ciò avvenga, l’esperto ha evidenziato la necessità di ridurre l'uso dei pesticidi e dei prodotti chimici nel settore agricolo, di aumentare la diversificazione delle colture e di migliorare le pratiche di conservazione del suolo. Inoltre, ha sottolineato l’esigenza di adottare un'azione coordinata su questioni globali come la lotta ai parassiti e alle malattie transfrontaliere, il contrasto dell’antimicrobico-resistenza, la riduzione degli sprechi alimentari e l’applicazione degli standard di sicurezza alimentare.

    Foto: © pershing - Fotolia.com

    red. 10-12-2017 Tag: faoconoscenzainnovazionetecnologiasicurezza alimentarecambiamenti climaticiagricoltura
Articoli correlati
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i...

    10-10-2018
  • Un agroalimentare di prodotto e non di normative

    I prodotti ottenuti con la nuova, moderna tecnica dell’editing genomico vanno considerati secondo la recente (25/07/18) sentenza della Corte di Giustizia Europea alla stregua dei vecchi organismi geneticamente modificati (OGM) e sono soggetti alle stesse...

    07-10-2018
  • Il cambiamento climatico e gli effetti sul commercio agroalimentare

    Dato che il cambiamento climatico sembra destinato ad alterare la capacità di molte regioni del mondo di produrre cibo, il commercio internazionale di prodotti agricoli ricoprirà un ruolo essenziale nel soddisfare il fabbisogno alimentare della...

    05-10-2018