• Fao, la conoscenza al centro dell'agricoltura di domani

    Print
    Agricoltura trattore %c2%a9 pershing   fotolia.com

    La conoscenza è fondamentale per il futuro dell'agricoltura e della lotta contro la fame. Lo ha evidenziato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), durante l’incontro: “A sustainable food future” che si è svolto a Londra su iniziativa della Chatham House, sul tema del ricorso alla tecnologia e alle innovazioni come mezzi per combattere la denutrizione, affrontare i cambiamenti climatici e salvaguardare le risorse naturali.

    “Il futuro dell'agricoltura non è ‘input-intensive’, ma ‘knowledge-intensive’ – ha affermato il DG della Fao -. Questo è il nuovo paradigma. Gli attuali sistemi alimentari non si sono dimostrati capaci di eliminare la fame nel mondo. Abbiamo bisogno di promuovere l'innovazione e di attuare pratiche sostenibili, in grado di fornire, nello stesso tempo, cibo nutriente e accessibile, servizi ecosistemici e resilienza ai cambiamenti climatici”.

    L’esperto ha osservato che negli ultimi decenni la produzione alimentare è aumentata, ma a un costo elevato per l'ambiente: questo processo ha generato deforestazione, carenza idrica, impoverimento del suolo e alti livelli di emissioni di gas serra. D'ora in avanti, ha dichiarato da Silva, “il nutrimento delle persone deve andare di pari passo con quello del pianeta”.

    Per fare in modo che ciò avvenga, l’esperto ha evidenziato la necessità di ridurre l'uso dei pesticidi e dei prodotti chimici nel settore agricolo, di aumentare la diversificazione delle colture e di migliorare le pratiche di conservazione del suolo. Inoltre, ha sottolineato l’esigenza di adottare un'azione coordinata su questioni globali come la lotta ai parassiti e alle malattie transfrontaliere, il contrasto dell’antimicrobico-resistenza, la riduzione degli sprechi alimentari e l’applicazione degli standard di sicurezza alimentare.

    Foto: © pershing - Fotolia.com

    red. 10-12-2017 Tag: faoconoscenzainnovazionetecnologiasicurezza alimentarecambiamenti climaticiagricoltura
Articoli correlati
  • UE, previsto aumento produzione cereali entro 2030

    L’incremento della domanda di mangimi dovrebbe favorire la crescita della produzione europea di cereali, che entro il 2030 dovrebbe raggiungere i 341 milioni di tonnellate. È quanto emerge dal rapporto “E.U. agricultural outlook – For...

    19-01-2018
  • Materie prime alimentari, a dicembre quotazioni in ribasso

    Nel mese di dicembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti del 3,3%, soprattutto a causa del calo dei listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Tuttavia, nel corso del 2017 sono aumentati, in media, dell'8,2% rispetto al 2016....

    17-01-2018
  • Usa, nel 2018 aumenta coltivazione della soia

    Negli Stati Uniti la superficie di terreno agricolo destinata alla coltivazione della soia dovrebbe raggiungere il valore record di 91 milioni di ettari nel 2018. Dovrebbe, quindi, eguagliare l’area destinata alla semina del mais. Lo comunicano gli...

    12-01-2018
  • Cambiamento climatico, un modello per prevedere gli effetti sull'agricoltura

    L’unione di due modelli computazionali potrebbe fornire un nuovo strumento capace di prevedere gli effetti dei futuri cambiamenti climatici sulle piantagioni agricole. Lo sostiene una ricerca pubblicata sulla rivista Agricultural and Forest Meteorology...

    11-01-2018
  • Produzione europea di soia: previsto lieve calo nel 2018

    Nel 2018 il tasso di crescita della produzione europea di soia dovrebbe subire una leggera battuta d’arresto, nonostante la domanda del legume continui ad aumentare. Lo sostiene Bertalan Kruppa, analista presso la Donau Soja Organization, che in...

    03-01-2018