• Fao, il futuro dell'allevamento

    Print

    Coniugare produzione e sostenibilità

    %c2%a9 branex   fotolia.com 8 allevamenti animali

    Il settore zootecnico rappresenta un pilastro per la sicurezza alimentare e per il sostentamento rurale. Pertanto, la comunità internazionale dovrebbe collaborare per assicurare lo sviluppo sostenibile di questo comparto, in modo da coniugare produzione e sostenibilità. Lo ha dichiarato Jose Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), in occasione del “10th Global Forum for Food and Agriculture” che si è svolto dal 18 al 20 gennaio a Berlino.

    La Fao precisa che data la crescita della domanda di carne e di altri prodotti di origine animale, specialmente nei paesi in via di sviluppo, occorre fornire ai piccoli allevatori e pastori le competenze, le conoscenze e le tecnologie adatte affinché possano beneficiare di questa crescita. Il Direttore da Silva sottolinea che l'aumento del consumo di prodotti di origine animale migliorerà la nutrizione della popolazione, specialmente quella dei bambini piccoli dei paesi in via di sviluppo, che necessitano di micronutrienti cruciali come lo zinco e il ferro per poter crescere in modo sano.

    Per quanto riguarda l’impatto del settore zootecnico sull’ambiente, la Fao osserva che il bestiame genera circa il 14,5% di tutte le emissioni antropogeniche. Per questo motivo, l'espansione del comparto pone delle sfide alla biodiversità, all’accesso sostenibile all'acqua e agli obiettivi fissati dall'Accordo di Parigi di limitare l’aumento delle temperature medie globali. Ma Graziano da Silva afferma che “è possibile raggiungere un settore zootecnico a basse emissioni di carbonio”: secondo le stime della Fao, l’adozione di pratiche di allevamento come il pascolo rigenerativo, la selezione del foraggio e il miglioramento del riciclaggio di sostanze nutritive ed energia dai rifiuti animali, potrebbe rendere possibile il calo delle emissioni inquinanti del 20-30% in tutti i sistemi di produzione. L’esperto aggiunge che una migliore gestione dei pascoli e della capacità dei terreni d’immagazzinare il carbonio è essenziale anche per aumentare la produzione zootecnica e non dover ricorrere a ulteriori deforestazioni. “Con pratiche migliori e rispettose del clima – spiega da Silva -, possiamo rapidamente creare catene di approvvigionamento di bestiame più sostenibili e più ‘verdi’”.

    Il Direttore Generale della Fao sottolinea poi l’esigenza di salvaguardare la salute animale, che potrebbe essere messa in pericolo dal cambiamento climatico. “L'emergenza di malattie s’intensificherà nei prossimi anni - osserva l’esperto -, in quanto l'aumento delle temperature favorisce la proliferazione degli insetti”. La Fao riconosce, inoltre, la necessità di affrontare il problema dell’antimicrobico-resistenza, che si creato anche a causa dell'uso eccessivo o non necessario degli antibiotici negli allevamenti. L’Organizzazione raccomanda l'immediata cessazione dell'uso di farmaci antimicrobici per promuovere la crescita animale, precisando che questi medicinali dovrebbero essere utilizzati solo per curare malattie e alleviare sofferenze inutili. Si dovrebbe ricorrere al loro uso preventivo solo in gravi circostanze, conclude Graziano da Silva.

    Foto: © branex - Fotolia.com

    red. 26-01-2018 Tag: zootecniaallevamentifaosicurezza alimentaresostenibilitàsalute animalecambiamenti climaticiantimicrobico-resistenza
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare, uso additivi alimentari conforme ai regolamenti

    In Italia l’impiego degli additivi alimentari nelle diverse filiere di produzione è conforme ai regolamenti. Lo sottolinea la “Relazione al Piano nazionale additivi 2015-2018 relativa ai dati 2017” pubblicata dal Ministero della Salute...

    21-10-2018
  • I vantaggi in numeri delle colture Ogm

    L’impiego degli organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura ha generato vantaggi sociali, sanitari, ambientali ed economici. È quanto emerge da due studi pubblicati sulla rivista GM Crops & Food da Graham Brookes e Peter Barfoot, due...

    20-10-2018
  • Comitato nazionale sicurezza alimentare, al via il rinnovo

    Con il Decreto ministeriale 19 settembre 2018, il Ministro della Salute Giulia Grillo ha disposto il rinnovo del “Comitato nazionale per la sicurezza alimentare (Cnsa)”, scaduto da alcuni mesi. Si tratta di un organo tecnico-consultivo in materia di...

    19-10-2018
  • Antimicrobici, nel 2016 vendite in calo in Italia

    Nel 2016 le vendite di farmaci antimicrobici in Italia sono diminuite. Lo evidenzia il rapporto: “Dati di vendita dei medicinali veterinari contenenti agenti antimicrobici. Trend in Italia Anno 2016” pubblicato dal Ministero della Salute, secondo cui...

    14-10-2018
  • Commodities alimentari, a settembre quotazioni in calo

    A settembre i prezzi delle materie prime alimentari sono diminuiti, soprattutto a causa dell’aumento delle scorte dei cereali di base. Ma sono diminuiti anche i listini dei prodotti lattiero-caseari e degli oli vegetali. Lo comunica l’Organizzazione...

    12-10-2018