• Unione Europea, migliorato in 10 anni stoccaggio dei cereali

    Print

    Ma persistono alcune criticità

    Trasporto cereali %c2%a9 candy1812   fotolia.com

    La capacità di stoccaggio dei cereali, dei semi oleosi e delle colture proteiche in Europa è cresciuta di 359 milioni di tonnellate dal 2005. Tuttavia, persistono rallentamenti nel sistema che potrebbero avere un significativo impatto sull’intero settore. È quanto emerge da uno studio sullo stoccaggio dei cereali nell'Unione Europea, commissionato dalla Direzione Generale per l'agricoltura e lo sviluppo rurale della Commissione Europea.

    L’indagine evidenzia che tra il 2005 e il 2015 la capacità di stoccaggio di cereali, semi oleosi e colture proteiche è cresciuta del 20%, mentre la produzione è aumentata dell'11% nello stesso periodo. Ciò ha determinato una migliore gestione delle scorte nell’Unione Europea: tutti i 28 stati membri hanno incrementato la capacità di stoccaggio nel decennio considerato. Tuttavia, alcuni stati membri necessitano di ulteriori investimenti per evitare il rischio di carenze.

    Lo studio ha identificato quattro principali corridoi per il trasporto di cereali, semi oleosi e colture proteiche in Europa: Corridoio Baltico-Adriatico, Corridoio Mare del Nord-Baltico, Corridoio Reno-Alpi e Corridoio Reno-Danubio. Inoltre, ha rilevato che la maggior parte del tonnellaggio a lunga distanza è coperta da corsi d’acqua interni e da ferrovie, mentre le distanze brevi sono principalmente coperte dal trasporto su strada dei camion. Tuttavia, l’analisi ha rilevato rallentamenti in tutti e quattro i corridoi di trasporto e in tutte e tre le modalità di trasporto. Per esempio, sono emersi problemi di capacità sulla rete tedesca e austriaca, in particolare nei collegamenti ferroviari transfrontalieri.

    “In Europa circolano ogni settimana circa 4 milioni di tonnellate di cereali, per un valore di oltre 1 miliardo di euro, per cui un sistema logistico e di stoccaggio ben funzionante è di fondamentale importanza per garantire che le richieste del mercato europeo siano soddisfatte a prezzi competitivi – precisa la Commissione Europea -. I rallentamenti possono produrre carenze nell’offerta e aumentare la volatilità dei prezzi”.

    Foto: © candy1812 - Fotolia.com

    red. 15-03-2018 Tag: cerealistoccaggiotrasportoUnione Europea
Articoli correlati
  • Agricoltura e zootecnia, con hard Brexit in Italia 9 mila posti di lavoro in meno

    L’uscita senza accordo del Regno Unito dall’Unione europea avrà ripercussioni sul Pil e sull’occupazione in molti settori degli altri Paesi europei. Tra questi anche l’agricoltura e la zootecnia nelle quali l’Italia...

    23-08-2019
  • Mais e grano duro, in aumento le importazioni nei primi mesi del 2019

    Un calo delle quantità e un corrispettivo aumento dei valori accomunano le importazioni e le esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche nei primi mesi del 2019 in Italia. Il Paese si conferma importatore di mais e grano duro mentre fa segnare...

    21-08-2019
  • Agea, Andrea Comacchio è il nuovo direttore

    L’Agea, l’Agenzia per le Erogazioni in agricoltura, ha un nuovo direttore. Il ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio ha nominato Andrea Comacchio al vertice dell’organismo. Il suo mandato...

    16-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019