Victam
  • Riso, individuato modo per fermare diffusione del brusone

    Print

    Basta disattivare una proteina per intrappolare il fungo

    Riso %c2%a9 quade   fotolia.com

    Individuato un modo per fermare la diffusione del brusone, una malattia che distrugge ogni anno fino al 30% del raccolto mondiale di riso. Lo riporta uno studio pubblicato sulla rivista Science dai ricercatori dell’Università di Exeter (Regno Unito), secondo cui basterebbe disattivare una singola proteina del fungo Magnaporthe Oryzae - appartenente alla famiglia della Pyricularia Oryzae e responsabile di questa patologia - per intrappolarlo all'interno di una singola cellula vegetale e impedirgli d’invadere le foglie della pianta di riso.

    Gli scienziati hanno scoperto il modo in cui il fungo riesce a modificare la propria struttura e a penetrare all’interno dei plasmodesmi, i canali naturali che mettono in comunicazione le cellule vegetali vicine attraverso le pareti cellulari. “Questa rappresenta una svolta eccitante perché abbiamo scoperto come il fungo è in grado di muoversi di nascosto tra le cellule del riso, senza farsi riconoscere dal sistema immunitario delle piante – afferma Nick J. Talbot, che ha coordinato l’indagine -. È chiaramente in grado di sopprimere le risposte immunitarie e di regolare i propri limiti fisici per passare attraverso uno spazio così ristretto. E tutto questo è dovuto all’azione di una singola proteina: è un'impresa notevole”.

    I ricercatori hanno osservato che la capacità del fungo di eludere le difese immunitarie della pianta del riso dipende dall’azione di una proteina chiamata Pmk1, che permettebbe al parassita di muoversi all’interno dei plasmodesmi. Hanno quindi modificato tramite la manipolazione genetica la proteina per renderla suscettibile a un farmaco specifico. Grazie a questa tecnica, sono stati in grado d’intrappolare il fungo all'interno di una cellula e di arrestarne la diffusione. Inoltre, hanno rilevato che l’enzima Map-chinasi sarebbe responsabile della regolazione della crescita del brusone, e sperano che la scoperta consenta loro d’identificare i bersagli di questo enzima e, quindi, di determinare le basi molecolari della malattia.

    Foto: © Quade - Fotolia.com

    redazione 27-03-2018 Tag: risoagricolturaricercabrusonefunghi
Articoli correlati
  • Pac 2021/2027, un'opportunità da non perdere

    La Politica Agricola Comune (Pac) è una delle politiche più antiche e importanti dell'Ue. Dalla sua creazione negli anni '60 ha contribuito, oltre a supportare la coesione e lo sviluppo dell’Unione europea, allo sviluppo dell'agricoltura...

    25-03-2019
  • Agroalimentare, stanziati 500 milioni di euro per le filiere italiane

    Stanziati 500 milioni di euro a favore delle filiere agricole e agroalimentari italiane. Lo comunica il Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft), precisando che i fondi sono destinati a sostenere diverse tipologie di...

    24-03-2019
  • Marcello Veronesi: “Prioritario il supporto a ricerca per lo sviluppo dell'agroalimentare italiano”

    "Il quadro che emerge dall'indagine di Nomisma sull'innovazione in agricoltura riafferma ancora una volta l’urgente necessità di investire di più nella ricerca. Il contributo che arriva dal progresso scientifico può essere determinante...

    21-03-2019
  • Afcc, Jacob Hansen eletto nuovo presidente

    Jacob Hansen, Direttore Generale di Fertilizers Europe, è stato eletto presidente di Agri-food chain coalition (Afcc), che rappresenta le 11 principali associazioni di settore della catena agroalimentare dell'Unione Europea. Il neo-presidente si è...

    05-03-2019
  • Obiettivo 2050, possibile grazie alla ricerca scientifica

    Nutrire la popolazione mondiale in continua crescita con meno risorse a disposizione: è una delle principali sfide del 21° secolo e uno dei temi affrontati durante la riunione annuale dell'American Association for the Advancement of Science (Aaas),...

    04-03-2019