• Sostenibiltà, Fefac si unisce al comitato anti-deforestazione

    Print
    Forest 1149876 640

    L'industria mangimistica europea in difesa delle foreste subtropicali. Nick Major, il presidente di Fefac, la federazione europea che riunisce i produttori di mangimi, è entrato a far parte del Global Steering Committee, un comitato del Governors’ Climate and Forests Task Force, l'organismo internazionale impegnato nel contrasto alla deforestazione.  

    La GCF Task Force è nata nel 2009 dall'accordo di dieci governatori di Usa, Brasile e Indonesia e oggi si avvale della collaborazione di 38 fra Stati e province di diversi Paesi – oltre a questi anche  Messico e Spagna, ad esempio – per definire un approccio giurisdizionale al raggiungimento di uno sviluppo agrario a basso impatto ambientale, riducendo lo sfruttamento del suolo e delle foreste. Nella Dichiarazione di Rio Branco, in occasione del Meeting annuale del 2014, la task force ha definito l'obiettivo della riduzione della deforestazione dell'80% entro il 2020. 

    Il Global Steering Committee è uno degli strumenti con cui l'organismo cerca di definire nuove partnership tra diversi attori, come i governi locali e gli esperti internazionali. Questo comitato supporterà le strategie che già sono in fase di sviluppo negli Stati e nelle province riunite nella task force e lavorerà per unire questi sforzi ai processi regionali e a quelli internazionali. Tra questi ultimi c'è la Tropical Forest Alliance 2020, una partnership globale pubblico-privata che ha sempre come scopo il contenimento della deforestazione associata alla fornitura di commodities come olio di palma, soia, carta e allevamenti bovini. 

    Il comitato, tra l'altro, supporterà gli accordi giurisdizionali di approvvigionamento e la sua azione si inserirà direttamente nelle strategie regionali e statali di Brasile, Colombia, Indonesia, Messico e Perù. I suoi gruppi di lavoro saranno supportati dal team di Redd+ (Reducing Emissions from Deforestation and Forest Degradation), il programma di sviluppo dell'Onu.

    redazione 19-05-2018 Tag: FEFACsostenibilitàagricoltura sostenibile
Articoli correlati
  • Cambiamento climatico e rischio micotossine

    I cambiamenti climatici potrebbero aumentare il rischio che le colture vengano contaminate con le micotossine. Lo ha dichiarato al sito FeedNavigator il professor Naresh Magan, Professore di Micologia applicata presso l’Università di Cranfield...

    01-11-2018
  • Sicurezza alimentare e sostenibilità, focus durante 12° Ifrm in Tailandia

    In occasione della 12° edizione del convegno “International feed regulators meeting (Ifrm)”, organizzato dall'International feed industry federation (Ifif) in collaborazione con l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e...

    31-10-2018
  • Nutrizione animale e lotta all’antimicrobico-resistenza, focus durante workshop Fefac e Iaca

    Le soluzioni offerte dal settore dell’alimentazione animale alla lotta contro l’antimicrobico-resistenza sono state al centro del “Workshop on animal nutrition solutions against Amr” che si è tenuto il 9 ottobre 2018 a Lisbona...

    27-10-2018
  • Fefac, visita al Parlamento europeo del Comitato sostituti del latte

    Il 16 ottobre 2018 il Comitato sostituti del latte di Fefac (European Feed Manufacturers' Federation), la federazione dei produttori europei di mangimi composti, ha visitato il Parlamento europeo su invito del deputato olandese Jan Huitema. In occasione della...

    26-10-2018
  • Un agroalimentare di prodotto e non di normative

    I prodotti ottenuti con la nuova, moderna tecnica dell’editing genomico vanno considerati secondo la recente (25/07/18) sentenza della Corte di Giustizia Europea alla stregua dei vecchi organismi geneticamente modificati (OGM) e sono soggetti alle stesse...

    07-10-2018