• Alleanza internazionale per salvaguardare salute umana, animale e ambientale

    Print
    Animal task force

    Le interazioni tra esseri umani, animali e ambiente devono essere sicure e per questo Fao, Oms e Oie hanno rilanciato un impegno comune per contrastare le minacce relative a tali interazioni: “Questa alleanza unisce le competenze specialistiche e l'esperienza di ognuna delle tre organizzazioni per ottenere esattamente questo, attraverso un approccio "One Health" (Una salute)”, spiega il direttore generale della Fao Jose Graziano da Silva. L'alleanza è stata sancita in un Memorandum d'Intesa in cui è stato deciso di potenziare la loro collaborazione in particolare per affrontare il problema della resistenza agli antibiotici. 

    Per l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura, l'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'Organizzazione Mondiale per la Salute Animale la resistenza ai farmaci sviluppata dagli agenti patogeni è una priorità assoluta. Sorveglianza del fenomeno, monitoraggio e uso responsabile degli antimicrobici sono le parole d'ordine per l'azione di contrasto di Oms, Fao e Oie: "La minaccia della resistenza antimicrobica interessa sia gli uomini, che gli animali, che il nostro ambiente. Per questo motivo la Triplice Alleanza di Oms, Fao ed Oie è cosi importante," afferma il Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms. 

    Un altro aspetto preoccupante è quello rappresentato dalle malattie zoonotiche emergenti ed endemiche. Il documento ha come obiettivo il miglioramento delle capacità di previsione per interventi più tempestivi, l'aiuto ai sistemi sanitari nazionali e l'adozione di misure congiunte per la riduzione delle minacce: "Oltre il 60% degli agenti patogeni esistenti o emergenti che colpiscono gli esseri umani hanno origine animale; il 75% di questi viene da animali selvatici. Per questo non possiamo affrontare i problemi della salute umana, animale e dell'ambiente in maniera isolata - dobbiamo considerarli e gestirli insieme”, sottolinea da Silva. 

    Le attività comuni previste dal nuovo accordo includeranno, tra l'altro: 

    • Affrontare le sfide della sicurezza alimentare che richiedono un approccio multi-settoriale nel contesto di un generale rafforzamento della sicurezza alimentare;  

    • Promuovere il coordinamento nel settore ricerca e sviluppo per raggiungere una visione comune sulle malattie zoonotiche di maggior priorità e sul tipo di ricerca necessaria a prevenirle, individuarle e controllarle; 

    • Lavorare con i Paesi al fine di rafforzare la salute umana a livello nazionale e regionale, cosi come la salute animale e i servizi per la sicurezza alimentare; 

    • Migliorare la cooperazione nelle attività di analisi previsionale, valutazione del rischio, rafforzamento della capacità di preparazione e delle risposte comuni alle malattie infettive - nuove, vecchie e trascurate - che minacciano la salute umana, animale e dell'ambiente.

    redazione 07-06-2018 Tag: resistenza antibioticifaoomsOiesicurezza alimentaremalattie zoonotiche
Articoli correlati
  • Efsa, residuo farmaci veterinari resta basso

    Resta basso il tasso di non conformità ai limiti fissati dall’Unione Europea sui residui di farmaci veterinari negli alimenti di origine animale e negli animali. Lo comunica l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), illustrando i...

    24-06-2018
  • Fao, studi e pubblicazioni consultabili da tutti

    L’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) intende incentivare l’accesso al suo patrimonio di conoscenze tramite una nuova politica che promuove l'uso, la riproduzione e la diffusione delle sue pubblicazioni. Ha...

    21-06-2018
  • Fao, in rialzo le previsioni sulla produzione cerealicola

    Migliorano le stime sulla produzione cerealicola. Secondo la Fao nel 2018 l'offerta sarebbe pari a 2.610 milioni di tonnellate, un livello maggiore di quello precedentemente stimato. Il dato è contenuto nell'ultimo Bollettino sull'offerta e la domanda...

    09-06-2018
  • Indice dei prezzi della Fao in aumento, salgono i prezzi di latte e caseari

    Su i prezzi di latte e cereali, in calo quelli di zucchero e oli vegetali. L'andamento dell'Indice dei prezzi alimentari della Fao riferito al mese di maggio risente di queste variazioni e sale assestandosi a 176,2 punti. Rispetto ad aprile scorso l'incremento...

    08-06-2018
  • Fefac, bene Fao su antibiotici ma in Europa sono già vietati come promotori di crescita

    Intervento lodevole ma parziale. È il giudizio di Fefac, la federazione europea dei produttori di mangimi, sulla presa di posizione della Fao contro l'utilizzo scriteriato di antibiotici negli allevamenti. Per la Fefac, infatti, l'organizzazione...

    05-06-2018