Victam
  • Fao, produzione cereali in calo nel 2018

    Print

    Previsto aumento dei raccolti di mais in Cina, Ucraina e Stati Uniti

    Agricoltura mangimi cereali %c2%a9 dleonis   fotolia.com

    Nel 2018 la produzione mondiale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.587 milioni di tonnellate. Questo valore, leggermente superiore rispetto alle previsioni di luglio, è il più basso registrato negli ultimi tre anni e risulta inferiore del 2,4% rispetto al livello record dell'anno scorso. È quanto emerge dal bollettino “Cereal supply and demand brief” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui quest'anno la produzione mondiale di grano dovrebbe essere più bassa di 14 milioni di tonnellate rispetto alle precedenti stime, fermandosi a quasi 722 milioni di tonnellate, il valore più basso dal 2013. In Europa il calo produttivo sarebbe dovuto al clima caldo e secco.

    La Fao ha rivisto al rialzo di 15 milioni di tonnellate la produzione mondiale di cereali a grana grossa, grazie soprattutto alle migliori prospettive per i raccolti di mais in Cina, in Ucraina e negli Stati Uniti, che dovrebbero più che compensare le flessioni produttive previste nell'Unione Europea e nella Federazione Russa. La produzione di grano duro nel 2018 dovrebbe attestarsi sui 1.354 milioni di tonnellate, circa il 2,6% in meno rispetto al 2017. La produzione mondiale di riso dovrebbe invece aumentare dell'1,3% rispetto all'anno scorso e raggiungere il record di quasi 512 milioni di tonnellate. Secondo la Fao, la crescita produttiva sarebbe dovuta agli incrementi registrati in Bangladesh e Vietnam e all’aumento delle aree coltivate con il cereale nello Sri Lanka e negli Stati Uniti.

    La Fao prevede che l'utilizzo mondiale dei cereali nel 2018 dovrebbe raggiungere i 2.648 milioni di tonnellate, grazie soprattutto alla maggiore offerta di mais per l'alimentazione animale e per l’uso industriale, e all’elevata produzione di riso. Si stima una riduzione delle scorte, in particolare in Cina, nell'Unione Europea e nella Federazione russa, mentre lo “Stock to use ratio” (il rapporto tra stock finali e utilizzazioni interne) dovrebbe scendere al 27,3%, il valore più basso degli ultimi cinque anni. Infine, secondo la Fao il commercio mondiale di cereali durante la stagione 2018/2019 che dovrebbe raggiungere un valore di circa 414 milioni di tonnellate, circa l'1,5% in meno rispetto al livello record dello scorso anno.

    Foto: © DLeonis - Fotolia.com

    red. 28-09-2018 Tag: cerealimaisfaoproduzionescorte
Articoli correlati
  • Sicurezza alimentare: le sei regole Fao

    Per garantire la sicurezza degli alimenti occorre monitorare tutte le fasi della catena alimentare, a partire dalla produzione fino alla vendita e al consumo. Lo sostiene l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao),...

    17-02-2019
  • Usa, in calo resa di mais e soia

    Nella stagione 2018/19 il rendimento del mais e della soia prodotti negli Stati Uniti dovrebbe diminuire. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimate (Wasde)” pubblicato l’8 febbraio dal Dipartimento...

    15-02-2019
  • Le previsioni del tempo e la qualità del mais: il caso americano

    Grazie all’impiego di nuovo algoritmo, potrebbe essere possibile prevedere la resa e la qualità dei raccolti di mais. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Agronomy dai ricercatori dell'Università dell'Illinois di...

    12-02-2019
  • Mangimi, produzione record nel 2018: superati 1,1 miliardi di tonnellate

    Nel 2018 la produzione globale di mangimi ha stabilito un nuovo record: è cresciuta del 3% rispetto all’anno precedente, fino a superare 1,1 miliardi di tonnellate. Lo rileva il rapporto “2019 Alltech Global Feed Survey” pubblicato dalla...

    10-02-2019
  • Commodities alimentari, a gennaio quotazioni in rialzo

    Il 2019 si è aperto in modo positivo per i mercati delle materie prime alimentari: a gennaio quasi tutti i listini hanno registrato un aumento. Lo comunica l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando...

    09-02-2019