Victam
  • Fao, produzione cereali in calo nel 2018

    Print

    Previsto aumento dei raccolti di mais in Cina, Ucraina e Stati Uniti

    Agricoltura mangimi cereali %c2%a9 dleonis   fotolia.com

    Nel 2018 la produzione mondiale di cereali dovrebbe raggiungere i 2.587 milioni di tonnellate. Questo valore, leggermente superiore rispetto alle previsioni di luglio, è il più basso registrato negli ultimi tre anni e risulta inferiore del 2,4% rispetto al livello record dell'anno scorso. È quanto emerge dal bollettino “Cereal supply and demand brief” pubblicato dall’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), secondo cui quest'anno la produzione mondiale di grano dovrebbe essere più bassa di 14 milioni di tonnellate rispetto alle precedenti stime, fermandosi a quasi 722 milioni di tonnellate, il valore più basso dal 2013. In Europa il calo produttivo sarebbe dovuto al clima caldo e secco.

    La Fao ha rivisto al rialzo di 15 milioni di tonnellate la produzione mondiale di cereali a grana grossa, grazie soprattutto alle migliori prospettive per i raccolti di mais in Cina, in Ucraina e negli Stati Uniti, che dovrebbero più che compensare le flessioni produttive previste nell'Unione Europea e nella Federazione Russa. La produzione di grano duro nel 2018 dovrebbe attestarsi sui 1.354 milioni di tonnellate, circa il 2,6% in meno rispetto al 2017. La produzione mondiale di riso dovrebbe invece aumentare dell'1,3% rispetto all'anno scorso e raggiungere il record di quasi 512 milioni di tonnellate. Secondo la Fao, la crescita produttiva sarebbe dovuta agli incrementi registrati in Bangladesh e Vietnam e all’aumento delle aree coltivate con il cereale nello Sri Lanka e negli Stati Uniti.

    La Fao prevede che l'utilizzo mondiale dei cereali nel 2018 dovrebbe raggiungere i 2.648 milioni di tonnellate, grazie soprattutto alla maggiore offerta di mais per l'alimentazione animale e per l’uso industriale, e all’elevata produzione di riso. Si stima una riduzione delle scorte, in particolare in Cina, nell'Unione Europea e nella Federazione russa, mentre lo “Stock to use ratio” (il rapporto tra stock finali e utilizzazioni interne) dovrebbe scendere al 27,3%, il valore più basso degli ultimi cinque anni. Infine, secondo la Fao il commercio mondiale di cereali durante la stagione 2018/2019 che dovrebbe raggiungere un valore di circa 414 milioni di tonnellate, circa l'1,5% in meno rispetto al livello record dello scorso anno.

    Foto: © DLeonis - Fotolia.com

    red. 28-09-2018 Tag: cerealimaisfaoproduzionescorte
Articoli correlati
  • Focus su dieta mediterranea durante evento Fao su malnutrizione

    Dieta mediterranea e malnutrizione sono state al centro dell’evento: “High Level Event on the Mediterranean Diet” promosso dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) nell’ambito delle iniziative...

    19-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Usa: maltempo ritarda semina di mais, soia e altri cereali

    A causa delle cattive condizioni meteorologiche, negli Stati Uniti la semina del mais, della soia e di altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi presenta un significativo ritardo. Lo rivela il rapporto “Crop Progress” pubblicato dal...

    06-06-2019
  • Produzione mondiale cereali, previsto nuovo record nel 2019

    Nel 2019 la produzione mondiale di cereali dovrebbe toccare un nuovo record, raggiungendo 2.722 milioni di tonnellate, 71 milioni di tonnellate in più rispetto al 2018. È quanto emerge dal rapporto “Fao Cereal supply and demand brief”...

    01-06-2019
  • Cereali, aumenta produzione in Europa

    Nel 2019 la produzione europea di cereali dovrebbe aumentare, fino a raggiungere 301 milioni di tonnellate. Lo comunica Coceral (l'associazione europea dei produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d'oliva e oli), secondo cui il raccolto dovrebbe essere...

    29-05-2019