• Frumento, ripresa delle quotazioni nella campagna 2017/18

    Print

    Previsto calo della produzione mondiale del cereale

    Grano cereali %c2%a9 %c5%bdeljko radojko   fotolia.com

    La campagna di commercializzazione 2017/18 del frumento si è chiusa registrando una ripresa delle quotazioni all'origine, che rispetto allo scorso anno sono cresciute dell’8,3% per il frumento duro e del 7,1% per il frumento tenero. È quanto emerge dal rapporto “Tendenze frumento” pubblicato da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui valore medio di campagna del frumento duro sarebbe pari a 210,03 euro/t, mentre quello del frumento tenero sarebbe pari a 187,70 euro/t.

    Quotazioni - Ismea precisa che nel mese di luglio 2018, che coincide con l'esordio della campagna di commercializzazione 2018/19, è stato rilevato un lieve aumento congiunturale dei prezzi di entrambi i prodotti: l’incremento del 3,3% per il frumento duro che ha raggiunto il valore di 201,45 euro/t, e dell’1,3% per il frumento tenero che ha toccato quota 184,21 euro/t. Tuttavia, il confronto con i dati di luglio 2017 mostra che i listini del frumento duro sono diminuiti dell'8,6%, mentre quelli del frumento tenero sono rimasti sostanzialmente stabile (-0,4%).

    Bilancia commerciale -Tra gennaio e aprile 2018 il disavanzo commerciale in valore del frumento tenero è peggiorato rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, a causa dell’aumento dei prezzi medi all’import e soprattutto delle quantità richieste all’estero. Invece la bilancia commerciale del frumento duro nel periodo gennaio-aprile 2018 ha registrato un significativo miglioramento tendenziale del deficit in valore grazie alla consistente riduzione dei volumi in ingresso, cui è corrisposto anche il calo dei valori medi all’import.

    Produzione mondiale – Secondo le indicazioni dell’International Grains Council (Igc), l’offerta globale di frumento nel 2018 dovrebbe diminuire di circa il 5% rispetto allo scorso anno, scendendo a 721 milioni di tonnellate. A livello territoriale, il calo produttivo dovrebbe essere più consistente in Russia, Ucraina, Kazakistan e nell’Unione Europea, mentre dovrebbero aumentare i raccolti nel Nord America e nell’Australia. Nello specifico, si stima una contrazione della produzione di frumento tenero (-5,3% sul 2017 a 683 milioni di tonnellate) e un aumento di quella del frumento duro (+3,0% a 38 milioni di tonnellate).

    Prospettive del mercato - Le quotazioni della granella durante la campagna di commercializzazione appena cominciata dovrebbero crescere. L’Igc prevede, infatti, che i volumi complessivi dei raccolti di frumento possano rimanere su livelli inferiori alla domanda, determinando una contrazione delle scorte in tutti i principali paesi esportatori.

    Foto: © Željko Radojko - Fotolia.com

    redazione 05-10-2018 Tag: frumentomercatoquotazioniIsmeaproduzionecereali
Articoli correlati
  • Fao, a novembre prezzi materie prime alimentari in calo

    Diminuiscono i prezzi delle materie prime alimentari. Oli vegetali, cereali, latte e suoi derivati e carne hanno fatto segnare un calo delle loro quotazioni mentre lo zucchero è in controtendenza. Sono i dati forniti dalla Fao e relativi all'Indice dei...

    08-12-2018
  • A novembre salgono prezzi della soia, scendono quelli del mais

    Rispetto allo scorso anno, le quotazioni della granella nazionale di mais sono aumentate dell'1%: la campagna di commercializzazione 2017/18 si è chiusa al prezzo medio di 178,04 euro/t. È quanto emerge dal rapporto: “Mais e Soia: tendenze e...

    01-12-2018
  • Sorgo, vantaggioso incentivarne l'uso di negli alimenti e nei mangimi

    Occorre promuovere l'uso del sorgo negli alimenti e nei mangimi in Europa, Russia e Ucraina: lo sostengono gli esperti intervenuti al secondo “Congresso internazionale sul sorgo” che si è svolto dal 7 all'8 novembre 2018 a Milano. L'evento ha...

    27-11-2018
  • Usa, produzione di mais e soia in calo

    La produzione di mais e soia negli Stati Uniti dovrebbe essere inferiore alle aspettative. Lo evidenzia il rapporto “Crop production” pubblicato dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (Usda), secondo cui nella stagione 2018 la produzione...

    21-11-2018
  • Carne suina, quotazioni in ribasso

    Nella seconda parte del 2018 in Italia i prezzi delle diverse tipologie di suini registrano un calo. Scendono anche le quotazioni dei suinetti (da 30 kg), che fino a maggio risultavano in crescita. È quanto emerge dal rapporto: “Suini: tendenze del...

    16-11-2018