Victam
  • Agricoltura, individuato gene che rende piante resistenti alle malattie

    Print
    Ricerca piante

    Identificato un gene che rende le piante resistenti alle malattie. È quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Nature Communications dai ricercatori dell’Università di Edimburgo (Regno Unito), secondo cui la scoperta potrebbe favorire lo sviluppo di colture resistenti alle infezioni, aiutando a prevenire la perdita dei raccolti.

    Gli scienziati scozzesi hanno analizzato il processo attraverso cui le piante, quando sono aggredite da batteri o virus, producono piccole quantità di un gas chiamato ossido nitrico, che si accumula nelle cellule vegetali e provoca la risposta del sistema immunitario. In particolare, i ricercatori hanno studiato i geni che si attivano in corrispondenza dell’aumento dei livelli di ossido nitrico in una varietà di crescione, l'Arabidopsis thaliana. Hanno così scoperto che un gene precedentemente sconosciuto, chiamato Seg1, viene rapidamente attivato dall'ossido nitrico e innescato durante l'infezione batterica.

    Ulteriori analisi hanno dimostrato che Srg1 scatena il meccanismo di difesa della pianta, limitando l'attività dei geni che sopprimono la risposta immunitaria. Modificando l'attività di questo gene, gli scienziati hanno dimostrato che le piante che presentavano livelli più alti delle proteine difensive prodotte dal gene erano più resistenti alle infezioni. Inoltre, hanno osservato che l'ossido di azoto regola la risposta immunitaria, assicurando che il sistema di difesa della pianta non reagisca in misura eccessiva. Un sistema immunitario iperattivo danneggia, infatti, il vegetale e ne ostacola la crescita, proprio come succede con le malattie autoimmuni negli umani.

    I ricercatori spiegano che meccanismi simili possono essere trovati in molte altre varietà di piante, e che queste scoperte potrebbero consentire di comprendere i processi fondamentali che sono alla base della regolazione della risposta immunitaria. Ciò potrebbe favorire la produzione di colture resistenti alle infezioni virali e batteriche. “I nostri risultati forniscono il collegamento mancante tra i meccanismi che attivano e i meccanismi che sopprimono la reazione della pianta alle malattie – osserva Gary J. Loake, che ha coordinato la ricerca -. Siamo rimasti sorpresi nel vedere che questo meccanismo potrebbe essere comune a quello presente negli umani”.

    redazione 07-11-2018 Tag: agricolturaricerca geneticapianteresistenzasistema immunitario
Articoli correlati
  • Pac 2021/2027, un'opportunità da non perdere

    La Politica Agricola Comune (Pac) è una delle politiche più antiche e importanti dell'Ue. Dalla sua creazione negli anni '60 ha contribuito, oltre a supportare la coesione e lo sviluppo dell’Unione europea, allo sviluppo dell'agricoltura...

    25-03-2019
  • Agroalimentare, stanziati 500 milioni di euro per le filiere italiane

    Stanziati 500 milioni di euro a favore delle filiere agricole e agroalimentari italiane. Lo comunica il Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo (Mipaaft), precisando che i fondi sono destinati a sostenere diverse tipologie di...

    24-03-2019
  • Obiettivo 2050, possibile grazie alla ricerca scientifica

    Nutrire la popolazione mondiale in continua crescita con meno risorse a disposizione: è una delle principali sfide del 21° secolo e uno dei temi affrontati durante la riunione annuale dell'American Association for the Advancement of Science (Aaas),...

    04-03-2019
  • La “scorciatoia evolutiva” delle piante: sottraggono geni agli organismi vegetali vicini

    Le piante avrebbero sviluppato la capacità di “sottrarre” geni agli organismi vegetali vicini per ottenere un vantaggio competitivo. In questo modo, riuscirebbero ad abbreviare significativamente il loro percorso evolutivo, rubando dalle altre...

    24-02-2019
  • Studio: grazie a genetica rafforzamento colture contro malattie

    Sviluppato un nuovo metodo per rafforzare la resistenza delle colture a malattie e parassiti. La nuova tecnica, chiamata AgRenSeq, è stata realizzata dagli scienziati del John Innes Centre di Norwich (Gran Bretagna) in collaborazione con ricercatori...

    21-02-2019