• Zootecnia, nasce l’associazione “O.I. Carni Bovine-OICB”

    Print

    L’iniziativa è stata promossa da Assograssi, Fiesa-Confesercenti, CIA-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri e Uniceb

    Mucche bovini %c2%a9 sven grundmann fotolia.com

    Il 13 novembre è stata costituita l’associazione “O.I. Carne Bovina-OICB”, su iniziativa di Assograssi, Fiesa-Confesercenti, CIA-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri e Uniceb. L’associazione è stata fondata nell’interesse dell’intera filiera, allo scopo di tutelare e difendere l’immagine del settore dalle notizie false o tendenziose. Inoltre, si prefigge di promuovere il consumo consapevole delle proteine animali e la valorizzazione della zootecnia per la tutela dei territori rurali dalla desertificazione.

    Basandosi sui risultati di recenti studi scientifici, la neocostituita “O.I. Carne Bovina-OICB” intende ribadire che, se consumata all’interno di una sana e corretta dieta alimentare, la carne permette di restare in salute, sviluppare le attività cerebrali, contribuire alla crescita scheletrica e muscolare e, infine, incrementare la fertilità. Secondo da Assograssi, Fiesa-Confesercenti, CIA-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Copagri e Uniceb, la costituzione dell’associazione rappresenta “un primo importante passo, da tempo atteso dagli operatori della filiera, per la creazione di una struttura centrale, indispensabile per le scelte che dovranno essere prese per lo sviluppo, l’innovazione e il commercio di questo settore strategico per l’agroalimentare italiano”.

    I costitutori precisano che il cuore operativo e propulsivo della neonata struttura sarà rappresentato dagli operatori. Lo statuto di “O.I. Carne Bovina-OICB” prevede, infatti, la costituzione di appositi comitati di prodotto incaricati d’indicare le scelte e le linee d’indirizzo per lo sviluppo del settore. Questi comitati, costituiti da operatori del settore in rappresentanza degli associati, si occuperanno delle questioni relative alla produzione e alla commercializzazione dei prodotti di riferimento, con particolare attenzione ai processi d’internazionalizzazione per l’accesso ai nuovi mercati. In particolare, i comitati avranno il compito di esaminare accordi, procedure e regole comuni, allo scopo di abbattere i costi e migliorare le caratteristiche merceologiche, la logistica e le procedure di transazione.

    Gli organismi che aderiranno all’associazione “O.I. Carne Bovina-OICB” saranno considerati, fino alla prima assemblea generale (che si terrà entro il mese di febbraio), tra i soci promotori. L’obiettivo è fare in modo di rafforzare l’intento inclusivo della neocostituita “O.I. Carne Bovina-OICB”, affinché diventi la massima espressione del settore e il “fulcro del dialogo tra tutti i rappresentanti della filiera”.

    Foto: © Sven Grundmann - Fotolia.com

    red. 21-11-2018 Tag: carne bovinacarneagroalimentarezootecniaallevamento
Articoli correlati