Victam
  • Colza, produzione in calo nell’UE

    Print

    Previsto aumento d’importazioni dai paesi del Mar Nero

    Colza pixabay

    Nella stagione 2019/20 la produzione di colza in Francia, Germania, Polonia e Regno Unito - i principali produttori dell'UE - dovrebbe diminuire, aumentando la necessità d’importare i semi della pianta dai paesi del Mar Nero. Lo sostiene Peter Collier, membro del team Market Intelligence di Agriculture and Horticulture Development Board (Ahdb), in un’intervista al sito Feed Navigator. L’analista spiega che in Francia, Germania, Polonia e Regno Unito le aree destinate alla coltivazione della pianta dovrebbero diminuire del 15% per fare posto ad altre colture, in particolare ai cereali, che hanno prezzi più allettanti.

    Secondo l’esperto, la riduzione delle superfici porterà, molto probabilmente, al calo della produzione europea di colza, che potrebbe toccare record negativi. Di conseguenza, i paesi dell'UE si troveranno davanti alla necessità di acquistare i semi della pianta dai paesi del Mar Nero, soprattutto da Romania e Ucraina. “A causa della probabile maggiore necessità d’importare la colza durante la stagione 2019/20 e del fatto che l’Ucraina rappresenterà la principale fonte d’importazione, i mercati europei della colza saranno maggiormente esposti ai prezzi di origine delle importazioni – spiega il dottor Collier -. L'anno prossimo l'UE sarà di nuovo in deficit, l'offerta sarà minore, e questo generalmente comporterebbe un aumento dei prezzi. Tuttavia, con volumi più elevati di importazioni, i mercati dell'UE faranno salire ancor di più le quotazioni della colza ucraina, e si prevede che in Ucraina il raccolto sarà molto abbondante: è prevista un incremento del 29%. Pertanto, nel Mar Nero i prezzi potrebbero scendere, mentre nell'UE potrebbero salire”.

    Foto: Pixabay

    red. 06-03-2019 Tag: colzamercatoproduzioneUEMar Nero
Articoli correlati
  • UE, nuovo metodo per misurare sprechi alimentari

    La Commissione Europea ha messo a punto una nuova metodologia per la misurazione degli sprechi alimentari in tutte le fasi della catena alimentare. Contemporaneamente alla pubblicazione del metodo, avvenuta l’8 marzo, ha avviato una consultazione aperta a...

    15-03-2019
  • Frumento, costi di produzione e ricavi in chiaroscuro

    L'analisi dei costi di produzione e dei ricavi delle aziende agricole che coltivano frumento duro e tenero evidenzia una redditività eterogenea a livello territoriale e che, a causa dei fattori climatici e di tecniche colturali non sempre adeguate, varia...

    09-03-2019
  • Usa, in calo resa di mais e soia

    Nella stagione 2018/19 il rendimento del mais e della soia prodotti negli Stati Uniti dovrebbe diminuire. È quanto emerge dal rapporto: “World Agricultural Supply and Demand Estimate (Wasde)” pubblicato l’8 febbraio dal Dipartimento...

    15-02-2019
  • Brexit: associazioni del comparto agroalimentare spiegano come affrontare il “no deal”

    L’Unione Europea dovrebbe prepararsi ad affrontare lo scenario di una Brexit senza accordi. Lo affermano Copa Cogeca (la confederazione di tutti gli agricoltori e le cooperative agricole in Europa), Celcaa (l'associazione delle organizzazioni europee che...

    13-02-2019
  • Mangimi, produzione record nel 2018: superati 1,1 miliardi di tonnellate

    Nel 2018 la produzione globale di mangimi ha stabilito un nuovo record: è cresciuta del 3% rispetto all’anno precedente, fino a superare 1,1 miliardi di tonnellate. Lo rileva il rapporto “2019 Alltech Global Feed Survey” pubblicato dalla...

    10-02-2019