Victam
  • L'orzo è il cereale ideale per i ruminanti, basta lavorarlo correttamente

    Print
    Orzo mangimi

    Le proprietà nutrizionali dell'orzo lo rendono un vero e proprio tesoro per gli allevatori. A sottolineare i vantaggi del suo impiego a scopo mangimistico è uno studio pubblicato sul Journal of Animal Science and Biotechnology in cui Akbar Nikkhah, esperto della Facoltà di Scienze Agrarie dell'Università di Zanjan (Iran), ha evidenziato che, se lavorato in modo corretto, può fornire ai ruminanti una maggiore quantità di proteine rispetto al frumento. Non solo, il tasso di fermentazione dell'amido più elevato, tipico di questo cereale, permette di fornire energia e azoto in modo più sincrono, migliorando, così, l'assimilazione dei nutrienti da parte dei microbi presenti nell'apparato digerente degli animali e riducendo la perdita di nutrienti con le feci.

     

    Tuttavia, secondo Nikkhah per poter sfruttare queste caratteristiche dell'orzo è necessario mantenere l'acidità del rumine ad un pH compreso tra 5,8 e 6,0. Infatti a valori di pH inferiori le endotossine prodotte dai microbi scatenano una risposta infiammatoria che può indebolire il sistema immunitario dell'animale e ridurne le aspettative di vita.

     

    La tecnica di lavorazione ideale per migliorare l'efficacia nutrizionale dell'orzo è quella basata sulla cottura al vapore seguita dalla laminazione, processi che migliorano anche la digeribilità dell'amido dopo il passaggio del mangime nel rumine. Con queste caratteristiche, l'orzo, che contiene più proteine e più metionina, lisina, cisteina e triptofano rispetto al mais ed è il cereale più facilmente degradabile dopo avena e frumento, è una miniera di ricchezze sia per gli animali in quanto tali, sia per l'economia degli allevamenti e l'ambiente.

    Silvia Soligon 03-08-2012 Tag: orzomangimiruminantiallevamenti
Articoli correlati
  • Mangimi, produzione record nel 2018: superati 1,1 miliardi di tonnellate

    Nel 2018 la produzione globale di mangimi ha stabilito un nuovo record: è cresciuta del 3% rispetto all’anno precedente, fino a superare 1,1 miliardi di tonnellate. Lo rileva il rapporto “2019 Alltech Global Feed Survey” pubblicato dalla...

    10-02-2019
  • Zootecnia e mangimistica italiana, un successo degli ultimi 40 anni

    La Commissione Scenari dell’ASPA, di cui chi scrive è presidente, ha per compito la costruzione di scenari zootecnici per le principali produzioni nazionali al 2030. Per fare ciò la commissione ha iniziato ad analizzare, in termini...

    06-02-2019
  • Andamento dell’agro-alimentare italiano nel primo semestre 2018

    La bilancia agroalimentare italiana (inclusi i tabacchi e succedanei), nel primo semestre 2018, ha registrato un import complessivo in valore pari a 21,7 miliardi di euro (-347 milioni di euro, pari a -1,1% rispetto al pari semestre 2017) a fronte di un aumento...

    05-02-2019
  • Antibiotico-resistenza, il ruolo della nutrizione animale

    La nutrizione animale potrebbe svolgere un ruolo importante nella lotta contro l’antibiotico-resistenza. Lo hanno affermato i rappresentanti dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao) e dell'International feed...

    25-01-2019
  • Pef, Fefac sostiene proposta della Commissione Europea

    In relazione alla possibile applicazione del Pef (Product environmental footprint - Impronta ambientale del prodotto), la Federazione dei produttori europei di mangimi composti Fefac (European Feed Manufacturers' Federation) ha espresso il proprio sostegno alla...

    10-01-2019