Home Attualità Corsi di sicurezza alimentare all’università

Corsi di sicurezza alimentare all’università

202
0
green deal

Due corsi universitari insegneranno ad affrontare le sfide legate alla sicurezza alimentare. Lo annunciano l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) e l’Università degli Studi Roma Tre, che il 15 giugno hanno stretto un accordo volto a rafforzare la collaborazione già in corso tra le due istituzioni. L’intesa prevede che la Fao metta a disposizione la sua esperienza in tema di sicurezza alimentare, nutrizione e sviluppo sostenibile all’ interno dei corsi dell’ateneo romano.

L’accordo stabilisce, in particolare, che la Fao fornisca materiale didattico, accesso a corsi di formazione online, supporto tecnico da parte dei propri esperti e possibilità di stage per gli studenti all’interno dell’Organizzazione. L’Università, invece, dovrà inserire nei programmi di due master post laurea – “Human Development and Food Security” e “Cooperatives: Economics, Law and Management” -, nuovi moduli specifici riguardanti ambiti prioritari del lavoro svolto dalla Fao. In particolare, saranno trattati temi come l’agricoltura familiare, la nutrizione, la micro finanza, le cooperative, le questioni di genere, gli investimenti responsabili in agricoltura, la ricerca statistica e le Linee Guida Volontarie per l’uso responsabile delle risorse fondiarie, ittiche e forestali.

“Questa rinnovata collaborazione aggiunge valore al lavoro sia della Fao che dell’Università Roma Tre, portando la lunga esperienza sul campo e le conoscenze della Fao nelle classi – afferma Daniel Gustafson, Vice Direttore Generale della Fao -. E ciò contribuirà a formare i futuri esperti e decisori politici che usciranno dall’Università Roma Tre”.

“Le Università devono essere il motore dello sviluppo sostenibile e del progresso – dichiara Mario Panizza, Rettore dell’Università Roma Tre -. Questa partnership contribuirà alla formazione di una nuova generazione, consapevole e preparata ad affrontare le sfide della sicurezza alimentare”.

 

Foto: Pixabay

red.