• Bovini e suini: novembre all'insegna della debolezza

    Print
    Ricoveri suini

    Il mese di novembre si apre con quotazioni ancora stabili per i broutards francesi, caratterizzati un'offerta in aumento per via delle condizioni climatiche in progressivo peggioramento che stanno inducendo gli allevatori d'oltralpe a vendere. La domanda italiana invece rimane stabile, per cui nelle prossime settimane si potrebbe avere qualche lieve cedimento. È quanto emerge dal bollettino settimanale di Ismea dedicato ai mercati e ai prezzi. Per il comparto dei bovini da macello, prezzi ancora cedenti per manze, vacche e vitelloni. Ad una domanda segnalata in crescita fa capo un'offerta di capi di buona qualità che sta diminuendo, per cui gli operatori prevedono ed auspicano a breve una inversione di tendenza. Nel mercato delle carni – si legge nelle eleborazione dell'Istituto -, si registra una lieve ripresa delle quotazioni dei tagli di vitello e vitellone, da imputare ad un'offerta che al momento è in calo e a cui si contrappongono una domanda stabile e macellazioni in linea con la stagione.

     

     

    Il comparto dei suini di allevamento si aprie in calo anche all'inizio di novembre, come si evince dalle stime raccolte da Ismea. Stazionari i magroni di 80/100 kg. Per i suini da macello la settimana ha registrato ancora il segno positivo chiudendo la quotazione a 1.42/1.43euro/kg. A fine settimana la Borsa di Parma ha espresso, dopo il non quotato della scorsa, prezzi indicativi con la quotazione per la taglia classica a 1.42euro/kg. La rilevazione della CUN per la prossima settimana segna comunque un andamento sostanzialmente stabile. Anche questa rilevazione è stata decisa dal Segretario con un prezzo stabilito tenendo conto delle richieste espresse dalle controparti e che si aggira fra 1.417 e 1.427 euro/kg. La rilevazione dei tagli ha segnalato un andamento assolutamente stabile e questa situazione di calma nel comparto dei tagli influenza l'andamento del vivo pur in un contesto di relativo equilibrio di domanda e offerta. Il comparto suinicolo sta attraversando ancora un periodo di crisi nonostante i dati dell'export siano ancora positivi, ma non più in grado di compensare la grave situazione interna

     

    co.col. 28-11-2014 Tag: mercatoprezzizootecniaeconomiaallevamentibovinisuini
Articoli correlati
  • Feed&Food, Fefac: quasi 165 milioni di tonnellate i mangimi prodotti nel 2018

    Nel 2018 i produttori di mangimi dell’Unione europea hanno fornito 164,8 milioni di tonnellate di prodotto. Una quantità maggiore della quota dell’anno precedente, pari a 161,2 m di tonnellate. Il dato è contenuto nell’ultimo...

    13-01-2020
  • Fefac, tiene la produzione europea di mangimi nel 2019

    Resta sostanzialmente stabile la produzione di mangimi in Europa. Nel 2019 – secondo le stime di Fefac, Federazione europea dei Produttori di mangimi – nei 28 Paesi l’output è stimato a 161,7 milioni di tonnellate. Rispetto...

    14-12-2019
  • Disarm Project, l'iniziativa europea contro l'antibiotico-resistenza

    Assicurare il benessere agli animali, prevenire le infezioni, usare in modo appropriato i farmaci antibiotici. Queste azioni rientrano nel piano Disarm, il progetto di ricerca nato per supportare l’esecuzione pratica negli allevamenti delle soluzioni per...

    13-12-2019
  • L’agricoltura di domani, la sfida della produzione

    Il binomio agricoltura-innovazione si impone come una scelta inderogabile, ben oltre l’ovvia esistenza di un profondo legame, oggi insostituibile ancor più che in passato. Questa consapevolezza supera la semplice constatazione, al limite della...

    08-12-2019
  • Filiere, crescono i prezzi all’origine degli allevamenti

    I listini dei prodotti zootecnici nel terzo trimestre 2019, con un aumento del 5,7% su base tendenziale, hanno spinto al rialzo i prezzi dei prodotti agricoli alla produzione. In generale il rialzo è stato del 3,8%. Latte e derivati e gli animali vivi...

    24-11-2019