• Anche nel 2016 calano i prezzi delle materie prime alimentari

    Print

    L’Indice dei prezzi alimentari Fao ha raggiunto il valore più basso degli ultimi 7 anni

    Tendenze alimentari

    A gennaio si è registrato un nuovo calo dei prezzi delle principali materie prime alimentari. Rispetto al mese di dicembre 2015, l'Indice dei prezzi alimentari elaborato dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) è sceso dell'1,9%. Si è attestato su un valore di 150,4 punti, che risulta inferiore del 16% rispetto allo scorso anno e rappresenta il livello più basso raggiunto in sette anni, dall'aprile 2009. La flessione dei prezzi agricoli è stata trainata, secondo gli esperti Fao, dagli ampi approvvigionamenti agricoli, dal rallentamento dell'economia globale e dal rafforzamento del dollaro.

    Nel dettaglio, l'Indice Fao dei prezzi dello zucchero è sceso del 4,1% rispetto al mese di dicembre. Si tratta del primo calo registrato in quattro mesi, ed è dovuto alla maggiore produzione in Brasile. Il paese sudamericano rappresenta, infatti, il maggiore produttore ed esportatore di zucchero al mondo.

    A gennaio l'Indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari si è ridotto del 3%. Il calo è dovuto, da una parte, alle grandi forniture in Europa e in Nuova Zelanda, e, dall'altra, alla debolezza della domanda mondiale di importazioni.

    É diminuito dell'1,7% anche l'Indice Fao dei prezzi dei cereali. A guidare la flessione sono state le ampie forniture globali, la forza del dollaro e la maggiore concorrenza per i mercati d'esportazione, in particolare per frumento e mais.

    L'Indice Fao dei prezzi degli oli vegetali è sceso dell'1,7, soprattutto a causa del calo dei prezzi dell'olio di soia. Questa situazione riflette le aspettative di ampie forniture di soia a livello mondiale.

    Infine, si è ridotto dell'1,1% anche l'Indice Fao dei prezzi della carne. Il ribasso ha interessato tutti i tipi di carne, tranne quella suina, sostenuta dagli aiuti all'ammasso privato ricevuti dall'UE.

    redazione 08-02-2016 Tag: faoIndice prezzi Faomaterie prime alimentarizuccherocarnecerealioli vegetaliprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Stati Uniti, diminuiscono rendimento e produzione del mais

    Numeri negativi per la produzione di mais e di soia, sebbene a un grado inferiore, negli Stati Uniti. Un andamento simile è previsto per queste due commodities anche a livello globale. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Usa ha fornito i nuovi...

    19-11-2019
  • Carnipedìa, il mondo della carne dalla A alla Z

    Il mondo della carne condensato in un volume di agile lettura, “Carnipedìa. Appunti per una piccola enciclopedia della carne”. Il suo autore è Giuseppe Pulina, professore ordinario di Zootecnia speciale all’Università di...

    16-11-2019
  • Ismea, stoccaggio punto debole della filiera cerealicola

    I centri di stoccaggio sono inadeguati ai bisogni della filiera cerealicola. Molti sono poco moderni, hanno una capacità oraria di lavorazione ridotta, una sola fossa di ricevimento e linee di carico che limitano lo stoccaggio differenziato per partite...

    07-11-2019
  • Sicurezza alimentare, l'impegno Fao per il 2030

    L’Obiettivo numero due dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile richiede di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. Uno degli attori titolati...

    06-11-2019
  • Micotossine negli alimenti, diminuisce il numero di non conformità

    Nel 2018 è diminuito il numero di campioni non conformi per la presenza di micotossine negli alimenti. Secondo i dati del Piano nazionale di controllo ufficiale delle micotossine lo scorso anno sono stati rilevati otto campioni non conformi mentre nel...

    02-11-2019