• Pulizia, giocattoli e il giusto nutrimento: i segreti di una dentatura sana

    Print

    I principali disturbi del cavo orale nei cani e i metodi per prevenirli

    Cane animali %c2%a9 pitrs   fotolia.com

    Se volete che il vostro cane abbia un sorriso smagliante, dovreste spazzolare regolarmente i suoi denti, nutrirlo con un regime alimentare equilibrato e farlo divertire con giocattoli masticabili. Come i loro amici umani, infatti, anche gli animali possono soffrire di disturbi del cavo orale, che si manifestano soprattutto a partire dall’età di quattro anni. Ma come si fa ad accorgersi della presenza di un problema?

    Innanzitutto bisogna annusare il fiato dell’animale. Anche se generalmente l’alito dei cani non è profumato, in alcuni casi risulta particolarmente pesante. Se questa condizione è accompagnata da mancanza di appetito, vomito, assunzione eccessiva di acqua e minzione frequente, si consiglia di portare la bestiola dal veterinario.

    In secondo luogo, occorre osservarne la bocca. Una volta a settimana sarebbe opportuno sollevare le labbra dell’animale ed esaminare lo stato di gengive e denti. Le gengive dovrebbero essere rosa e non mostrare segni di gonfiore. I denti, invece, dovrebbero essere puliti e bianchi, senza tracce di tartaro. Se le gengive appaiono gonfie, bianche o rosse, e i denti presentano macchie marroni, è possibile che il cane abbia un problema.
    Alcuni segnali, in particolare, possono indicare la presenza di un disturbo del cavo orale. Si tratta, nello specifico, di: alito cattivo, salivazione eccessiva, gengive infiammate, grumi alle gengive, cisti sotto la lingua e perdita dei denti. Se il cane presenta anche uno solo di fattori, è opportuno portarlo dal veterinario.

    Ma quali sono i disturbi del cavo orale, che potrebbero mettere a repentaglio il benessere del vostro migliore amico? Ecco i principali.
    Alitosi: rappresenta il primo segnale di un disturbo orale ed è causata dall’accumulo dei batteri che si depositano tra i denti o tra denti e gengive. Una regolare pulizia dentale aiuta a contrastare il problema.

    Cisti sublinguali: si manifestano come vesciche ripiene di liquido, generalmente presenti sotto la lingua, anche se a volte si sviluppano agli angoli della mandibola. Devono essere drenate, mentre la ghiandola salivare danneggiata va rimossa.

    Cimurro canino: è una patologia infettiva, di origine virale, che spesso colpisce i cuccioli. Si manifesta con febbre, secrezioni oculari e nasali, starnuti, vomito, diarrea e, nei casi più gravi, con danni al sistema nervoso. Nei cani adulti la malattia è spesso causa dell’erosione e della caduta dei denti. Dato che il deterioramento è irreversibile, i denti interessati dovrebbero essere rimossi dal veterinario.

    Gengivite: è un’infiammazione dei tessuti gengivali, causata principalmente dall’accumulo di placca e tartaro. I principali sintomi comprendono l'alito cattivo e il sanguinamento, il gonfiore e l’arrossamento delle gengive. Può essere curata con una regolare pulizia dentale.

    Gengive arrossate e gonfie: questo disturbo si verifica quando il cibo resta bloccato tra i denti e si forma il tartaro. Per prevenirlo può bastare pulire frequentemente i denti del cane e farlo visitare una volta all’anno dal veterinario.

    Parodontite: è un'infiammazione profonda delle gengive di origine batterica, che può provocare la perdita dei denti. Si manifesta con alito cattivo, mal di denti, starnuti e secrezioni nasali.

    Tumori orali: si presentano come grumi sulle gengive. Alcuni sono maligni e devono essere rimossi chirurgicamente.

    Come prevenire queste malattie? Per proteggere la salute orale del vostro animale occorre, innanzitutto, curarne la pulizia. Gli esperti consigliano di detergerne i denti utilizzando uno spazzolino appositamente ideato per i cani o una garza da avvolgere intorno al dito. Come dentifricio si consiglia di usarne uno specifico per animali o d’impiegare un impasto realizzato mischiando bicarbonato di sodio e acqua. Il dentifricio per uso umano è invece sconsigliato, perché potrebbe irritare lo stomaco del vostro amico a quattro zampe. Una regolare pulizia dentale riduce l’accumulo di batteri, che a loro volta possono causare l’insorgere di placca, tartaro e gengiviti.

    Gli esperti consigliano, poi, di regalare al vostro cane i giocattoli masticabili. Questi oggetti, oltre a soddisfare il suo naturale desiderio di rosicchiare, contribuiscono a massaggiare le gengive e aiutano a mantenere i denti puliti, raschiando via il tartaro appena formato.

    È poi fondamentale nutrire l’animale con cibi sani. In particolare, si consiglia di scegliere alimenti secchi appositamente formulati per rallentare la formazione di placca e tartaro. Inoltre, sono indicati i mangimi studiati per mantenere sana la dentatura dei cani.

    Foto: © pitrs - Fotolia.com

    Nadia Comerci 03-06-2016 Tag: animali da affezionecanidentaturaalimentazione animalecavo oralebenessere animale
Articoli correlati