• Allevamento, le linee guida ministeriali sull’uso appropriato degli antimicrobici

    Print

    Le indicazioni su come prevenire l’antimicrobico-resistenza

    Copertina guida

    Come prevenire l’uso inappropriato degli antimicrobici e contribuire a fermare l’antimicrobico-resistenza? Lo spiegano le “Linee guida per la promozione dell’uso prudente degli antimicrobici negli allevamenti zootecnici per la prevenzione dell’antimicrobico-resistenza” pubblicate dal Ministero della Salute, che forniscono indicazioni utili su come utilizzare i farmaci veterinari in modo appropriato. Un uso scorretto, infatti, rappresenta un rischio per la salute degli animali ed è responsabile della riduzione delle produzioni e dell’inefficienza degli allevamenti.

    Il Ministero sottolinea che per prevenire la diffusione di malattie occorre seguire un approccio integrato contro il fenomeno dell’antimicrobico-resistenza, che promuova il benessere degli animali, la corretta gestione nutrizionale, l’adozione di idonee misure di biosicurezza e d’igiene attraverso programmi di eradicazione e monitoraggio delle malattie infettive e di appropriate campagne di vaccinazione degli animali. Le Linee guida, che fanno parte della strategia nazionale per il contenimento dell’antimicrobico-resistenza prevista dal “Piano nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza (PNCAR) 2017-2020”, sono state elaborate per questo scopo e sono rivolte alle Autorità competenti, ai medici veterinari liberi professionisti e agli operatori di settore, per aiutarli a ridurre l’uso inappropriato degli antimicrobici.

    La stretta osservanza dei principi contenuti nelle guida, spiegano gli esperti del Ministero, può massimizzare il numero degli animali sani, riducendo al minimo la necessità di ricorrere all’impiego di antimicrobici. Il documento, che dev’essere valutato alla luce delle esigenze individuali di ogni allevamento, è arricchito anche da uno studio sulla possibilità di ricorrere alla strategia vaccinale in alternativa all’uso di antibiotici - soprattutto nei casi in cui questi ultimi vengano impiegati, conformemente alle condizioni stabilite all’atto dell’autorizzazione all’immissione in commercio, per prevenire le malattie di origine batterica.

    Il Dicastero aggiunge che la guida sarà seguita da ulteriori linee guida specifiche, elaborate in collaborazione con Regioni/Organizzazioni/Associazioni e dedicate sia alle diverse specie zootecniche/tipologie di produzione, sia agli animali da compagnia. Infine, il Ministero precisa che dal 2019, con l’entrata in vigore della ricetta veterinaria elettronica e del sistema informatizzato per la tracciabilità del farmaco, sarà più semplice monitorare l’utilizzo corretto degli antimicrobici e rafforzare le azioni di contrasto all’antimicrobico-resistenza.

    redazione 30-09-2018 Tag: antimicrobico-resistenzaantimicrobicifarmaci veterinarisalute animaleallevamento
Articoli correlati
  • Piano Nazionale Residui, nel 2018 non conforme lo 0,01% dei campioni

    Una parte molto esigua dei campioni analizzati nell’ambito del Piano Nazionale Residui, lo 0,01%, è risultata non conforme alle normative sulla contaminazione. Nel 99,9% dei casi, invece, il risultato è conforme ai parametri di legge. Sono i...

    14-10-2019
  • #Meatthefacts, il nuovo sito di informazione a difesa dell’immagine della zootecnia

    Fefac-Federazione dei Produttori europei di Mangimi e altre dieci associazioni zootecniche in campo contro la disinformazione e l’immagine distorta del settore che circola sui social e nei media. Bisogna tornare ai fatti, dicono le organizzazioni riunite...

    29-09-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Uova, come aumentare la presenza di vitamina D

    Esporre il pollame alla luce UV per 6 ore al giorno potrebbe accrescere la presenza di vitamina D nelle uova di 3-4 volte. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista Poultry Science dai ricercatori della Martin Luther University Halle-Wittenberg di Halle...

    11-07-2019
  • Sanità animale, IZS di Palermo nominato Centro di coordinamento scientifico Remesa

    La sede di Palermo dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia è stata scelta come Centro di coordinamento scientifico e tecnico del Remesa (Réseau Méditerranéen de Santé Animale). Lo comunica il Ministero...

    09-07-2019