• Fieragricola e Assalzoo, alleanza per la zootecnia del futuro

    Print
    Schermata da 2019 08 26 18 48 02

    Fieragricola si prepara per la 114ª edizione, in programma a Veronafiere dal 29 gennaio all’1 febbraio 2020. Unica manifestazione internazionale organizzata in Italia dedicata all’agricoltura in maniera trasversale, Fieragricola negli anni ha puntato sulla verticalizzazione delle filiere, nella convinzione che una elevata specializzazione nei diversi settori dell’agricoltura rappresenti l’unica strada per favorire la competitività del sistema agricolo e il miglioramento della redditività delle imprese. 

    «Oggi le imprese agricole devono fronteggiare sfide epocali – commenta il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani –. Accanto alla volatilità dei mercati, il sistema è messo sempre più a dura prova dai cambiamenti climatici, dalla burocrazia che rallenta i flussi di cassa. A queste emergenze si devono aggiungere alcuni mutamenti che sembrano ineluttabili, dal rispetto del benessere animale all’adozione di accorgimenti nell’ottica dell’economia circolare, della riduzione delle emissioni così come dei costi di produzione, con l’obiettivo di migliorare redditività e competitività». 

    Ecco che Fieragricola è chiamata a confermare il proprio ruolo di guida, anticipando le novità in chiave sia di tecnologie, tecniche di processo e di prodotto, ma anche illustrando le tendenze di comparti in rapida evoluzione, come quelli dell’agricoltura e della zootecnia. Sempre di più il consumatore detta la linea in termini di produzione agricola, richiedendo prodotti sicuri, certificati, chiari nella provenienza, ma anche rispettosi dell’ambiente e – in un futuro prossimo – anche del lavoro. 

    Nell’ottica di un potenziamento ulteriore della zootecnia – che nella scorsa edizione di Fieragricola ha potuto contare su circa 700 capi in esposizione tra bovini da latte e da carne, suini, equidi, avicoli, cunicoli, ovini e caprini, persino chiocciole – si inserisce l’accordo sottoscritto tra Fieragricola e Assalzoo.

    L’intesa – firmata a Roma a margine dell’assemblea annuale di Assalzoo lo scorso giugno – «è strategica per Fieragricola, in quanto la mangimistica è un segmento che risponde in maniera trasversale ai bisogni degli allevamenti in Italia e in Europa e affronta temi chiave per lo sviluppo della cerealicoltura, della foraggicoltura, delle dinamiche relative ai piani proteici nazionali e comunitari. Allo stesso tempo, il dialogo con Assalzoo soddisfa le filiere zootecniche nei segmenti della salute, benessere e nutrizione animale, all’interno di un’area in forte crescita a Fieragricola. La zootecnia, grazie anche alle tipicità delle produzioni Dop e Igp italiane, è uno dei pilastri principali per rafforzare il valore aggiunto dell’agricoltura», dichiara Flavio Innocenzi, direttore commerciale di Veronafiere.

    «L’Accordo raggiunto con VeronaFiere – commenta Marcello Veronesi, presidente Assalzoo – rappresenta la prosecuzione di un rapporto storico rinsaldato già dalla precedente edizione di Fieragricola 2018 e che ora si concretizza in una vera e propria partnership, nella quale convogliare il massimo delle rispettive energie per rafforzare la prossima manifestazione del 2020».

    Assalzoo sarà presente a Fieragricola 2020 nel padiglione 9, dedicato alla zootecnia. L’associazione, inoltre, sarà uno dei player che animeranno il «Nutrition Forum» con convegni, seminari, tavole rotonde su innovazioni, tendenze e modelli relativi al comparto mangimistico nazionale. 

    Tra i grandi eventi zootecnici in programma a Fieragricola 2020 si ricorda il 19° Dairy Open Holstein Show e il Confronto europeo della razza Bruna. E poi confronti sui mercati, il benessere animale, convegni tecnici e di economia e politica internazionale. Saranno potenziate anche l’avicoltura e la suinicoltura, con la mangimistica a fare da trait d’union in maniera trasversale di tutta la zootecnia.

    La circolarità nel mirino della manifestazione

    Fieragricola guarda anche all’economia circolare, uno dei pilastri sui quali poggia il futuro dell’agricoltura e dell’economia, al punto che la Bei (Banca europea degli investimenti) negli ultimi cinque anni ha messo sul piatto 2,3 miliardi di euro in iniziative finalizzate alla Blue economy. Dalle energie rinnovabili di fonte agricola alla valorizzazione dei reflui zootecnici fino al riutilizzo di quelli che un tempo erano ritenuti scarti. Sono molteplici le declinazioni pratiche, che Fieragricola affronterà nel corso della manifestazione, sia nell’area espositiva che attraverso approfondimenti, focus e convegni.

     

    Info Utili

    Manifestazione: Fieragricola, 114ª edizione

    Dove: Veronafiere (viale del Lavoro, 8, Verona)

    Quando: dal 29 gennaio all’1 febbraio

    Orari: ore 9-18

    Biglietti: in vendita da settembre 2019; registrazione obbligatoria. Costo: in cassa 21 €, online 16 € (previste agevolazioni particolari)

    Facebook: Fieragricola

    Twitter: @Fieragricola

    Categorie merceologiche: mangimistica, meccanica agricola, zootecnia, fonti rinnovabili, vigneto e frutteto, verde e foreste, impianti e strutture per le colture protette, chimica-mezzi tecnici-agrofarmaci, sementiero, servizi per l’agricoltura e l’allevamento

    Info: fieragricola@veronafiere.it, www.fieragricola.it

     

    I numeri dell'edizione 2018

    132.000 visitatori (19.117 esteri)

    870 espositori (113 esteri)

    56.962. metri quadrati netti

    900 incontri con buyer stranieri

    120 convegni ed eventi

    700 capi di bestiame in esposizione

     

    Servizio stampa Verona Fiere: Tel. +39 045 829 8242/8285/8350/8210 E-mail: pressoffice@veronafiere.it Twitter: @pressVRfiere

    Fieragricola 114th International Agricultural Technologies Show

    E-mail: visitors@fieragricola.com

    Web: www.fieragricola.it

    Facebook: Fieragricola

    Twitter: @Fieragricola

    03-10-2019 Tag: FieragricolaVeronaMarcello VeronesiVeronafiereeconomia circolare
Articoli correlati