• Formaggi e latticini, è boom di esportazioni

    Print
    Parmigiano reggiano 1574183 1920

    Forte recupero dell’export di formaggi e latticini. Se nel 2018 la crescita segnata era stata la più bassa degli ultimi dieci anni, per i primi sei mesi del 2019 si può parlare di vero e proprio boom. Le esportazioni del comparto sono salite di oltre il 12%, dopo l’aumento più contenuto dello scorso anno pari a solo il 3%. A ufficializzare il dato è Ismea su elaborazione dei dati Istat. Riprende quota l’invio dei prodotti lattiero caseari verso gli Stati Uniti mentre salgono ulteriormente le spedizioni in Giappone

    A trainare l’incremento delle esportazioni sono i formaggi stagionati, con un aumento maggiore di quello del comparto stesso, pari al 14,5%, per 772 milioni di euro (il 45% del totale). Bene anche quelli freschi, con +6,3% per un valore di 424 milioni.

    Per gli stagionati è in ripresa la domanda dagli Stati Uniti: l’incremento è stato del 25% rispetto alle spedizioni dello scorso anno. I prodotti che hanno attraversato l’oceano hanno fruttato 147 milioni di euro. Una buona notizia dopo la contrazione delle vendite riscontrata da Ismea nel report Tendenze dello scorso maggio. Tra 2018 e 2017, infatti, il calo era stato del 5% in valore; un dato che, per la prima volta, portava il Paese sotto il 10% in termini di quota di mercato seppur restando il terzo partner commerciale dell’Italia per il settore. 

    Negli Stati Uniti sono andati molto bene il Grana Padano e il Parmigiano reggiano (+26%) ma anche i Pecorini (+28%). A tal proposito però, dal momento che all'aumento dell'export in valore si è accompagnato un incremento più che proporzionale delle quantità, il prezzo medio all’export è risultato in calo. Per questo motivo non c’è stato un guadagno per la filiera del latte ovino gravata da una forte crisi. 

    Anche il Giappone si è rivelato un florido terreno di destinazione per il Made in Italy lattiero caseario confermando la tendenza del 2018. Già lo scorso anno, infatti, l’export in valore era cresciuto del 5,2%. Nel Paese asiatico hanno fatto segnare una buona performance sia i formaggi stagionati (+22,8% per un valore di 19 milioni di euro) che quelli freschi (+24,9% con 17 milioni di euro).

     

    Foto: Pixabay

    redazione 28-09-2019 Tag: exportformaggilatticiniIsmeamade in Italy
Articoli correlati
  • Assalzoo, Veronesi: “Un augurio di buon lavoro al neo Ministro Teresa Bellanova”

    “Al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alla neo Ministro delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova rivolgiamo i migliori auguri per un buon e proficuo lavoro, auspicando un’attenzione particolare al tema dell’agricoltura che rappresenta...

    08-09-2019
  • Ue al primo posto nel mondo per export agroalimentare

    Nonostante una leggerissima flessione, l’Unione europea mantiene il primato nel mercato mondiale delle esportazioni di prodotti agroalimentari. Il volume di merci esportate ha raggiunto il valore di 138 miliardi di € nel 2018 come riferisce la...

    08-09-2019
  • Frumento, per il grano duro italiano produzione in netto calo

    Produzione pressoché ferma o in calo e bilance commerciali con esiti diversi. L’Ismea ha reso noti i dati su prezzi, raccolti e scambi commerciali del grano tenero e del grano duro in Italia. A corredo i numeri sulla produzione mondiale dei due...

    28-08-2019
  • Suini, dalla Cina via libera alle esportazioni dall’Italia

    Disco verde per alcuni prodotti suinicoli italiani verso la Cina. Le relazioni commerciali tra i due Paesi ricevono un nuovo impulso dopo la decisione delle autorità doganali di Pechino sull’export di carni suine congelate e sottoprodotti della...

    16-08-2019
  • Dop e Igp, il primo portale web sulle eccellenze del Made in Italy

    Dop e Igp sul web. Dal Prosciutto di Parma al salame Felino dal salmerino del Trentino al taleggio. Dal primo agosto sarà più facile ottenere informazioni su questi e altri prodotti a a denominazione di origine e a indicazione geografica protetta....

    02-08-2019