• Benessere del pollame, parere scientifico Efsa

    Print
    Pollame pixabay

    Con due pareri scientifici l’Efsa, l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, è intervenuta sul tema del benessere del pollame nella macellazione. Un parere fa riferimento alla produzione alimentare, l’altro al decesso degli avicoli per fini diversi, come per esempio il controllo delle malattie infettive.  

    Nei documenti l’autorità individua i principali pericoli al benessere degli animali e le misure preventive e correttive relative ai singoli pericoli. Nel primo parere ne sono stati individuati 35. La maggior parte deriva dalle inadempienze degli addetti, come la scarsa formazione professionale, le manchevolezze del personale addetto alle diverse fasi della macellazione, a cominciare dall’arrivo degli avicoli nei centri dedicati.  

    Questi pericoli pregiudicano le condizioni degli animali: stress da caldo e da freddo, fame e sete prolungata, limitazioni dei movimenti per insufficienza di spazio, stress respiratorio, dolore. Nella definizione delle misure preventive e correttive emerge il ruolo cruciale della gestione di ogni fase della macellazione. È fondamentale, pertanto, avere a disposizione personale adeguatamente formato e competente. Tra le altre misure utili c’è anche la rotazione del personale tra più compiti e la necessità di disporre di strutture e macchinari appropriati, oggetto di regolare manutenzione. 

    Con la pubblicazione di questi pareri scientifici, basati sulle ultime conoscenze scientifiche, l’Efsa sta aggiornando la materia della tutela del benessere animale. L’operazione è stata richiesta dalla Commissione europea. Ai due pareri sul settore avicolo seguiranno, tra marzo e dicembre 2020, altri documenti simili ma relativi a suini, bovini e altre specie. La Commissione potrà così utilizzare queste valutazioni nei dibattiti con l’Oie, l’Organizzazione mondiale della salute animale, per allineare gli approcci al benessere animale.

     

    Foto: Pixabay

    redazione 27-11-2019 Tag: benessere animaleallevamenti avicolimacellazioneEFSAparere scientifico
Articoli correlati
  • Benessere animale e CoVid-19: le risposte dell'Oie

    Il nuovo coronavirus si trasmette prevalentemente da uomo a uomo, sebbene siano stati registrati casi estremamente sporadici di contagio negli animali. Tuttavia il patogeno è stato originato da una fonte animale, in una linea di trasmissione su cui la...

    17-05-2020
  • Antimicrobico-resistenza, alcuni batteri sempre più difficili da trattare

    Resistenza sempre più solida in alcuni batteri, tra cui la salmonella, ma anche segnali incoraggianti di progressi nel contrasto a un fenomeno preoccupante. L’Efsa e l’Ecdc, ovvero l’Autorità per la Sicurezza alimentare e...

    31-03-2020
  • Coronavirus, Efsa: alimenti non fonte di trasmissione

    L’Efsa, l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, ribadisce che, al momento, non ci sono prove di una possibile trasmissione del virus Sars-CoV-2 da parte del cibo. Gli alimenti non sono né fonte né via di trasmissione...

    12-03-2020
  • Peste suina africana, la situazione nell’Unione europea

    Da novembre 2018 a ottobre 2019 i Paesi interessati dalla Peste suina africana nell’Unione europea sono stati nove, secondo l’ultimo aggiornamento dell’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare. Dal novero...

    05-02-2020
  • Incidenti alimentari, come le affrontano l’Unione europea e l’Efsa

    La tutela della sicurezza di alimenti è mangimi è una materia di cui si occupano non solo i singoli Paesi ma anche le autorità sovranazionali, ovvero l’Unione europea e l’Efsa. La Commissione europea in particolare coordina il...

    16-01-2020