• Giornata del mais, al Crea il punto sulle risorse genetiche in maiscoltura

    Print
    Corn 3663086 1920

    Un secolo di maiscoltura. Sono cento anni che Bergamo è la sede dell’Istituto di Maiscoltura, un anniversario che sarà celebrato il prossimo 24 gennaio in occasione della Giornata del Mais. Al centro del programma, oltre alla storia, ci sarà anche il presente e il possibile futuro del settore maidicolo. L’evento è infatti incentrato sulle “Risorse Genetiche per l’innovazione della maiscoltura italiana”. A organizzarlo è la sede di Bergamo del Crea, Centro di ricerca Cerealicoltura e Colture Industriali, con il contributo, fra gli altri, di Assalzoo.  

    Da anni il settore maidicolo italiano è in crisi. Si è ridotta l’estensione dei terreni riservati alla coltivazione di mais e la produzione si è contratta. Secondo i dati di Ismea il calo della produzione ha marciato a un tasso medio annuo del 4% tra il 2009 e il 2018 mentre le superfici sono passate da quasi un milione di ettari del 2009 a meno di 600 mila nel 2018. Le condizioni climatiche e i problemi sanitari hanno determinato questi numeri. I dati dell’anno passato sembrano essere più incoraggianti con un timido recupero sia degli investimenti che dei raccolti.  

    Questo tracollo ha reso l’Italia dipendente dalle importazioni ma la coltura resta un’eccezionale risorsa per il sistema produttivo agroalimentare. Il mais ha un elevato potenziale per la ricerca scientifica, l’innovazione varietale e la crescita sostenibile dell’agricoltura e l’industria sementiera. 

    Di questo si parlerà nel corso della sessione centrale della Giornata dopo la sezione dedicata ai cento anni della maiscoltura di Bergamo con gli interventi di Tommaso Maggiore dell’Università degli Studi di Milano, Luigi Mariani del Museo Lombardo di Storia dell’Agricoltura di Sant’Angelo Lodigiano e Dario Frisio dello stesso ateneo milanese.

    Nel corso della mattinata, infatti, diversi specialisti si confronteranno sul tema delle risorse genetiche. Elisabetta Frascaroli e Silvio Salvi dell’Università degli Studi di Bologna, si occuperanno delle basi genetico-molecolari dei caratteri agronomici in mais; Roberto Pilu dell’Università degli Studi di Milano di agrobiodiversità del mais; Hans Hartings del Crea-Bergamo presenterà i primi risultati di un’indagine molecolare sulle linee di mais custodite nella banca della sede lombarda, la più ampia collezione di germoplasma d’Italia. 

    L’ultima parte della Giornata del mais sarà riservata invece alla sperimentazione di Crea dell’ultima campagna maidicola. Saranno ospitati gli interventi di Gianfranco Mazzinelli (I risultati delle Reti Nazionali di confronto varietale mais), Sabrina Locatelli (Rete Qualità Mais: monitoraggio micotossine campagna 2019) e Anna Giulini (Innovazione varietale: attualità e prospettive).

     

    Foto: Pixabay

    redazione 19-01-2020 Tag: maisGiornata del MaisCreaBergamomaiscoltura
Articoli correlati
  • Giornata del Mais 2020: tra storia e innovazione

    La Giornata del Mais, che si è tenuta a Bergamo il 24 gennaio, si è focalizzata su due importanti aspetti: storia ed innovazione. L’anno 2020 segna infatti una data importante per la sede di Bergamo del CREA: festeggia i 100 anni della...

    06-02-2020
  • Stati Uniti, cresce la domanda di mais per mangimi

    Più mais e frumento destinati alla nutrizione animale, con una riduzione delle scorte finali, e maggiore produzione di soia. Il Dipartimento per l’Agricoltura degli Stati Uniti ha aggiornato le previsioni relative alla domanda e offerta delle...

    04-02-2020
  • Stati Uniti, in aumento la produzione zootecnica

    Stime positive per la zootecnia statunitense. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti il numero di animali in produzione (indicati dall’unità di misura Gcau - Grain-consuming animal units) è stato incrementato di 0,24...

    04-02-2020
  • Annuario dell’agricoltura italiana, la presentazione il 21 gennaio al Mipaaf

    Un bilancio sul settore primario in Italia. Martedì 21 gennaio sarà presentato l’Annuario dell’agricoltura italiana 2018, un’iniziativa del Crea - Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia...

    17-01-2020
  • Mais, dalla genomica un nuovo modello per prevedere le caratteristiche delle piante

    “Leggendo” i dati genetici di una piantina di mais di due settimane è possibile prevedere i tratti che la pianta svilupperà crescendo. Questi dati sono relativi all’Rna, le molecole che permettono di attuare le informazioni...

    10-01-2020