• Stati Uniti, in aumento la produzione zootecnica

    Print
    Cows 1029077 1920

    Stime positive per la zootecnia statunitense. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti il numero di animali in produzione (indicati dall’unità di misura Gcau - Grain-consuming animal units) è stato incrementato di 0,24 milioni rispetto alle stime precedenti. Come indica l’ultimo report del 14 gennaio, la produzione zootecnica è valutata in 102,84 milioni di unità. Le stime per la scorsa stagione, il 2018/19, si fermano invece a 100,73 milioni.   

    Gli esperti hanno anche diffuso i dati della produzione di carne per il 2019 e 2020. I numeri sono contenuti nel bollettino di gennaio Wasde-World Agricultural Supply and Demand Estimates. Rispetto al mese precedente la produzione di carne bianca e rossa è stata corretta al ribasso: in calo la produzione di carne suina e di tacchino, in aumento quella di manzo grazie all’aumento della macellazione nell’ultima fase del 2019. Per i polli la produzione è invariata mentre è stata ritoccata al rialzo la produzione di uova.

    Nel 2020 per la produzione totale di carne è previsto un rialzo molto leggero. A gennaio si stima un buon aumento di pollame che compenserà la minore produzione di carne di manzo, maiale e tacchino. Per la carne rossa gli esperti si attendono un minor peso delle carcasse. La maggiore offerta di pollame manterrà i prezzi bassi mentre, sulla base di un calo produttivo e di una domanda in continuo recupero, le quotazioni della carne di tacchino saranno maggiori.

    Cereali per mangimi cresce la domanda

    Anche la domanda di cereali per mangimi è stata rivista al rialzo a gennaio. Si passa dai 144,1 milioni di tonnellate del mese precedente a 150,5 milioni di tonnellate di mais, sorgo, orzo, avena e grano per mangimi e residui. In particolare è in crescita la domanda di mais e sorgo mentre è in calo quella di orzo e grano. 

    Il rialzo interessa anche il mercato globale, con la domanda di cereali per mangimi e residui a 865,4 milioni (+6,3 mil). A trascinare l’aumento sarà proprio la maggiore domanda di mangimi nel mercato interno statunitense. Nell’Unione Europea, però, questo mese vede la domanda ridursi in linea con le variazioni di produzione.

     

    Foto: Pixabay

    redazione 04-02-2020 Tag: USDAmangimicarneproduzionemais
Articoli correlati