• Coronavirus, Efsa: alimenti non fonte di trasmissione

    Print
    Bananas 698608 1920

    L’Efsa, l’Autorità europea per la Sicurezza alimentare, ribadisce che, al momento, non ci sono prove di una possibile trasmissione del virus Sars-CoV-2 da parte del cibo. Gli alimenti non sono né fonte né via di trasmissione probabile del nuovo coronavirus.

    Il virus responsabile della malattia respiratoria CoVid-19 si trasmette mediante le goccioline di saliva emesse da una persona contagiata, ad esempio tossendo o starnutendo, che contengono l’agente patogeno. Ecco perché bisogna evitare i contatti stretti e mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro. Un’altra modalità di trasmissione è il contatto con superfici contaminate dove - come ricorda il ministero della Salute - il virus può sopravvivere alcune ore (anche se questo dato è ancora oggetto di studio).

    Il cibo, invece, non rientra fra i vettori: “Le esperienze fatte con precedenti focolai epidemici riconducibili ai coronavirus, come il coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS-CoV) e il coronavirus della sindrome respiratoria mediorientale (MERS-CoV), evidenziano che non si è verificata trasmissione tramite il consumo di cibi”, ricorda il direttore scientifico dell’autorità europea Marta Hugas. “Al momento - continua - non ci sono prove che il coronavirus sia diverso in nessun modo”.

    Attenzione in ogni caso alla sicurezza in cucina

    Il monitoraggio della diffusione del virus prosegue ma finora gli specialisti non hanno registrato segnalazioni di trasmissione tramite il cibo. Ecco perché l’Efsa non è coinvolta attivamente nel contrasto all’epidemia. Continua invece la sua attività di ricerca con la revisione della letteratura scientifica.

    Una delle regole auree per la prevenzione del Co-Vid-19 è il lavaggio delle mani che, in ogni caso, dev’essere rispettata come norma per la sicurezza alimentare. Oltre al lavaggio delle mani, per ridurre i rischi di infezioni trasmesse da alimenti, i consigli sono quelli di cucinare completamente la carne, evitare contaminazioni crociate tra cibi cotti e cibi crudi, rispettare le modalità di conservazione degli alimenti e, dopo la preparazione, lavare bene le superfici e gli utensili utilizzati.

     

    Foto: Pixabay

     

    redazione 12-03-2020 Tag: coronavirussicurezza alimentareEFSA
Articoli correlati