• Materie prime alimentari, continua l’effetto Covid-19: prezzi giù per il terzo mese

    Print
    Corn 3663086 1920

    La diffusione del coronavirus e le conseguenze della gestione del rischio contagio nel mondo ha spinto al ribasso i prezzi delle commodities alimentari. Nel suo aggiornamento sull’Indice dei Prezzi alimentari la Fao ha rilevato il terzo calo consecutivo: pesano le restrizioni alla logistica, la contrazione della domanda, la riduzione delle attività lavorative, le maggiori disponibilità di prodotto. Il caso della carne è esemplare, come spiega l’economista esperto della Fao Upali Galketi Aratchilage: “La pandemia sta condizionando sia la domanda che l’offerta, con la chiusura dei ristoranti e il minor reddito che hanno portato a meno consumi e la riduzione della manodopera sta impattando sui sistemi di produzione just-in-time nei principali Paesi produttori di carne”.

    L’Indice generale della Fao ha raggiunto ad aprile un valore medio di 165,5 punti, in calo di 3,4% rispetto al mese precedente e del 3% su base annua.

    Cereali 

    Solo i cereali hanno fatto registrare una riduzione dell’indice più contenuta: -2,4% portando il valore a 164 punti. Questo perché i prezzi internazionali di grano e riso sono aumentati in maniera significativa e quelli del mais sono calati. Il riso è aumentato del 7,2% in gran parte a causa delle restrizioni temporanee all'export dal Vietnam, poi abrogate, mentre i prezzi del grano sono aumentati del 2,5% a causa delle voci di un rapido adempimento della quota di export dalla Russa. Il calo del mais è dovuto alla precoce ampia disponibilità per l’export e alla minore domanda per mangimi e carburanti.

    Un quadro per il 2019/20 e le stime per la prossima campagna

    La Fao ha pubblicato anche l’ultimo bollettino sulla Domanda e offerta di Cereali. Per il 2019/20 sono state mantenute le stime della produzione di cereali a 2.720 milioni di tonnellate mentre quelle per il consumo sono state ridotte di quasi 25 milioni proprio per l’impatto della pandemia sulla crescita economica, sul mercato dell’energia e sulla domanda di mangimi. Determinante il ridotto consumo di mais in Cina e Usa che, a livello globale, scenderà di 9 mil rispetto al 2018/19. Anche il consumo di grano è stato rivisto al ribasso - per un minor uso industriale soprattutto in Ue - ma comunque alla fine maggiore del livello dello scorso anno, così come quello del riso.

    Il minor consumo porterà a un aumento delle scorte di cereali nel mondo, sopra i livelli di apertura di 13,6 milioni. Il rapporto scorte-consumo sarà superiore del 31%, con una correzione al rialzo per l’aumento previsto di scorte di mais destinate a un massimo storico di 428 milioni. La contrazione nell’uso di mais per mangimi e nell’industria potrebbe portare le scorte degli Usa al record di 62 milioni.

    Anche il commercio mondiale è previsto in aumento del 2,8%, soprattutto grazie a grano e sorgo. Le restrizioni all'export di grano della regione del Mar Nero, correlate alla pandemia, sono già state revocate nella maggior parte dei casi e per un anno non dovrebbero influire sugli impegni all'esportazione dei produttori. 

    Nel bollettino la Fao ha anche fornito le prime previsioni per la stagione 2020/21. La produzione è stimata a 762,6 milioni di tonnellate, in linea con il 2019, con un minor raccolto previsto in Ue, Nord Africa, Ucraina e Usa controbilanciato però dai maggiori raccolti di Australia, Kazakistan, Russia e India. Il consumo dovrebbe mantenersi stabile, con una maggiore quota per l’industria alimentare che compensa le riduzioni per mangimistica e industria. Le scorte sono previste in aumento a 274,5 milioni per la crescita di quelle cinesi. È previsto, per quest’anno, anche un forte aumento della produzione di mais in Argentina, Brasile e Sud Africa.

    Carne

    Tornando all’indice delle materie prime, quello della carne ha raggiunto 168,8 punti, con un calo del 2,7%. Un recupero parziale nella domanda di importazione dalla Cina non ha bilanciato completamente il forte calo dell’import in altri Paesi. Pesano inoltre le difficoltà logistiche e il forte calo della domanda per il lockdown, con scorte e ampie disponibilità per l’export. Il valore raggiunto è stato di 168,8 punti, il quarto calo consecutivo.

    Prodotti lattiero-caseari

    L’indice ha raggiunto i 196,2 punti, in calo del 3,6% ma di oltre il 10% per latte in polvere e burro. Hanno pesato le maggiori disponibilità all’export, l’aumento delle scorte, la debole domanda per l’import e le ridotte vendite nel canale della ristorazione nell’emisfero settentrionale. La moderata ripresa per le quotazioni del formaggio è riconducibile alla limitata offerta di spot in Oceania per il declino stagionale della produzione. 

    Zucchero

    L’indice dello zucchero, a 144 punti, ha toccato il punto più basso da tredici anni. Da marzo il calo è stato di ben il 14,6%. I prezzi del greggio in caduta libera hanno ridotto la domanda di canna da zucchero per l’etanolo, dirottando la produzione sullo zucchero e quindi aumentando la disponibilità per l’export. Il lockdown ha poi contribuito alla pressione verso il basso dell’indice.

    Oli vegetali

    Il calo è stato del 5,2% portando l’indice a 131,8 punti. Sono diminuite le quotazioni di olio di palma, soia e colza mentre sono aumentate quelle dell’olio di girasole per il timore di restrizioni all’export che ha fatto aumentare le richieste dall’estero. La minore domanda di biocombustibile e del settore alimentare hanno contribuito, così come il carico maggiore del previsto di produzione di olio di palma in Malesia e di frantumazione di soia negli Usa.

     

    Foto: Pixabay

    redazione 22-05-2020 Tag: cerealilattiero-caseariofaoindice dei prezzi alimentarimaisgranocarnesoia
Articoli correlati
  • Fao, a giugno tornano a salire i prezzi delle materie prime

    Inversione di tendenza per i prezzi delle materie prime alimentari. A giugno l’Indice dei prezzi delle materie prime alimentari della Fao è aumentato di quasi il 2,5% rispetto alla rilevazione di maggio. Si è fermato a 93,2 punti, grazie...

    06-08-2020
  • Produzione di grano duro verso un calo del 2,5%

    Superfici in aumento, produzione in calo. Il 2020 si avvia a essere un anno negativo per il grano duro nazionale. Il volume produttivo è stimato in circa 3,9 milioni di tonnellate, giù del 2,5% rispetto al dato del 2019, pari a circa 4 milioni di...

    06-08-2020
  • Carne, per 8 consumatori su 10 importante l’origine 100% italiana

    Il Made in Italy è un valore fondamentale per i consumatori, soprattutto quando si tratta di carne. Per quasi otto acquirenti su dieci, infatti, è importante che questo prodotto sia di origine 100% italiana. È un dato emerso...

    02-08-2020
  • Sorgo, in forte aumento l’export dagli Usa alla Cina

    Le esportazioni di sorgo dagli Stati Uniti alla Cina sono in netta ripresa. Con la guerra commerciale tra le due superpotenze non più alla massima intensità, il Paese asiatico - il principale acquirente di sorgo nel mondo e di circa l’85-90%...

    30-07-2020
  • Stati Uniti, in aumento le superfici seminate a mais rispetto al 2019

    Crescono le superfici destinate alla semina di mais e soia negli Stati Uniti. Le ultime stime del Dipartimento dell’Agricoltura, contenute nel report annuale Acreage di fine giugno, danno indicazioni positive per due delle principali colture del mercato...

    29-07-2020