• «Dal ministro Clini parole coraggiose su Ogm e ricerca»

    Print
    Corradoclini

    “Finalmente parole coraggiose che aprono un dibattito maturo e obiettivo sull’uso degli Ogm in agricoltura. I Paesi che hanno intrapreso la strada della ricerca e delle applicazioni dell’ingegneria genetica, come il Brasile o l’Argentina, da cui importiamo grandi quantità di farina di soia in Italia e in Europa, non solo non hanno avuto danni per la biodiversità, ma sono anche quelli la cui economia sta crescendo di più”. È il commento di Assalzoo, Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici, alle parole del ministro dell’Ambiente Corrado Clini che, in un’intervista sul Corriere della Sera, apre ad una “seria riflessione che deve coinvolgere la ricerca e la produzione agricola sul ruolo dell'ingegneria genetica e di alcune possibili applicazioni degli Ogm”.

     


    “È bene ricordare, inoltre, - prosegue Assalzoo - che pur non potendole coltivare, è dal 1996 che in Italia importiamo e utilizziamo in completa sicurezza materie prime Ogm essenziali per moltissime nostre produzioni agroalimentari.

    Uno dei “paradossi su cui si è soffermata lintervista è il “grave danno creato dalla “paura che venga alterata la tipicità dei nostri prodotti agricoli, mentre “senza l'ingegneria genetica oggi non avremmo alcuni fra i nostri prodotti più tipici, ha continuato il ministro, ricordando che il grano duro, il riso Carnaroli, il pomodoro San Marzano, il basilico ligure, la vite Nero D'Avola, la cipolla rossa di Tropea, il broccolo romanesco sono stati ottenuti grazie agli incroci e con la mutagenesi sui semi.

     


    Non bisogna dimenticare, dice il Ministro, che gli Ogm sono importanti per creare specie resistenti a condizioni estreme in zone marginali soggette a dissesto idrogeologico e alla siccità che in alcune zone dItalia, come gli Appennini, potrebbero evitare le frane che colpiscono periodicamente i nostri territorio e che la posizione contro gli Ogm “da sempre compromette, in generale, la ricerca sullingegneria genetica applicata all'agricoltura, e alla farmaceutica, e anche a importanti questioni energetiche.



    Per Assalzoo occorre riattivare la ricerca sulla quale lItalia è divenuta fanalino di coda ed è importante che lo scontro ideologico venga superato; per questo lAssociazione guarda positivamente al confronto che si è aperto allinterno dellUnione Europea grazie alla proposta della presidenza danese che punta a concedere lautorizzazione alluso di Ogm, lasciando agli Stati membri il potere di decidere se vietarlo o meno. Se ne tornerà a parlare a Bruxelles dopo giugno, “sostanzialmente dopo le elezioni francesi, ha annunciato il Ministro, concludendo che a suo parere “la direzione di lasciare lavorare l'Ue sull'ingegneria genetica, anche nel settore degli Ogm, non verrà abbandonata.

    co.col. 16-03-2012 Tag: ogmricercainnovazioneministro cliniagricoltura
Articoli correlati