• La Fao vede “rosa”: raccolti in aumento, prezzi al ribasso

    Print

    Indice dei prezzi di agosto

    Grano marche

    L'Indice dei prezzi alimentari della Fao in agosto è sceso per il quarto mese consecutivo, raggiungendo il livello più basso dal giugno 2012. L'indice, che misura la variazione mensile dei prezzi internazionali di un paniere di beni alimentari, ha registrato nel mese di agosto una media di 201,8 punti, circa 4 punti (1,9 per cento) al di sotto del valore di luglio e 11 punti (5,1 per cento) in meno rispetto all'agosto del 2012. Il ribasso del mese scorso è stato principalmente trainato dal persistente calo dei prezzi internazionali dei cereali e degli oli. I prezzi dei prodotti lattiero-caseari, della carne e dello zucchero sono invece leggermente aumentati.  

    Forte calo dei prezzi dei cereali  

    L'Indice dei prezzi cerealicoli della Fao ha registrato in agosto una media di 210,9 punti, un calo di 16,4 punti (7,2 per cento), rispetto al mese di luglio e di 49,4 punti (19 per cento) rispetto all'agosto 2012.  Questo brusco calo riflette le aspettative per quest'anno di una forte crescita della produzione cerealicola mondiale e, soprattutto, una netta ripresa dell'offerta di mais.  

    Previsti raccolti record

     Insieme all'Indice dei prezzi alimentari, la Fao ha pubblicato una nuova stima della produzione cerealicola mondiale per il 2013, che si prevede raggiungerà 2.492 milioni di tonnellate. La previsione è stata rivista al rialzo di 14 milioni di tonnellate (pari allo 0,5 per cento), rispetto al mese di luglio a seguito dell'incremento della produzione di mais ufficialmente segnalato in Argentina e le prospettive di miglioramento nella UE e in Ucraina.  Secondo le ultime stime, la produzione cerealicola globale dovrebbe raggiungere 179 milioni di tonnellate, un nuovo record e un aumento del 7,7 per cento rispetto al 2012.  Questa ripresa sarà trainata da un'espansione del 10,5 per cento della produzione di cereali secondari che raggiungerà circa 1.285 milioni di tonnellate e da un aumento del 7,6 per cento della produzione di grano che dovrebbe raggiungere i 710 milioni di tonnellate.  

    La produzione di riso è destinata ad aumentare dell'1,3 per cento, raggiungendo un nuovo massimo di 497 milioni di tonnellate, in equivalente di riso lavorato.  In ripresa la produzione di mais negli Stati Uniti  Il forte incremento della produzione mondiale di cereali secondari registrato nel 2013 è in gran parte il risultato della forte ripresa della produzione di mais (stimata intorno a 983 milioni di tonnellate), per lo più negli Stati Uniti, dove quest'anno si prevede la produzione di mais raggiungerà 343 milioni di tonnellate, circa il 25 per cento (69 milioni di tonnellate) in più rispetto al livello ridotto a causa della siccità del 2012.  

     

    Redazione 09-09-2013 Tag: cerealimaisrisomangimifaomercatoprezziexport
Articoli correlati