• Rapporto Ocse-Fao, prevista espansione commerciale dell'agricoltura brasiliana

    Print
    Ogm brasile

    Il Brasile è in procinto di cogliere le opportunità di espansione commerciale generate dalla crescita della domanda di importazioni, proveniente soprattutto dall'Asia. È quanto emerge dal rapporto: “Oecd-Fao Agricultural Outlook 2015-2024”, elaborato dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e dall'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao), che ha analizzato le prospettive di sviluppo dei prezzi agricoli nel prossimo decennio. Il documento, in particolare, ha dedicato una sezione specifica all'agricoltura brasiliana.

    Il comparto agricolo del Brasile è destinato a crescere grazie ai continui miglioramenti produttivi, alle maggiori rese dei raccolti, alla conversione di alcuni pascoli in terre coltivate e alla maggiore intensità della produzione zootecnica. Secondo il rapporto Ocse-Fao, il mercato potrebbe crescere ulteriormente in presenza di riforme strutturali, maggiori investimenti infrastrutturali e accordi commerciali volti a migliorare l'accesso ai mercati esteri.

    Le due organizzazioni internazionali sottolineano i progressi compiuti dal Brasile nell'eliminazione della fame e nella riduzione della povertà. Lo sviluppo agricolo potrebbe ridurre ulteriormente i livelli d'indigenza, incrementando le produzioni di colture alimentari e di prodotti di pregio come il caffè, l'orticoltura e i frutti tropicali.

    Secondo il documento, la crescita agricola del Brasile potrebbe essere raggiunta in modo sostenibile, se le forniture supplementari continueranno a provenire da incrementi produttivi piuttosto che dall'aumento delle aree coltivate. La pressione sulle risorse naturali potrebbe essere ridotta da iniziative ambientali e conservative, come il sostegno a pratiche di coltivazione sostenibili, la conversione delle terre degradate in pascoli e l'integrazione tra sistemi agricoli e sistemi zootecnici.

    n.c. 07-07-2015 Tag: prezzi agricoliagricolturabrasilepovertàzootecnia
Articoli correlati
  • Antimicrobici, nel 2016 vendite in calo in Italia

    Nel 2016 le vendite di farmaci antimicrobici in Italia sono diminuite. Lo evidenzia il rapporto: “Dati di vendita dei medicinali veterinari contenenti agenti antimicrobici. Trend in Italia Anno 2016” pubblicato dal Ministero della Salute, secondo cui...

    14-10-2018
  • Trasformare sistema alimentare per nutrire le persone e salvare il pianeta

    Per nutrire la popolazione mondiale in crescita e per salvaguardare il pianeta occorre trasformare il sistema alimentare, in modo da renderlo più sostenibile. Lo ha affermato José Graziano da Silva, Direttore Generale dell’Organizzazione...

    11-10-2018
  • Assalzoo, una strategia di filiera per rilanciare la produzione del mais italiano

    L'obiettivo di risolvere la crisi che attanaglia il settore maidicolo è condivisa da tutti gli attori del comparto agroalimentare e da uno di questi è arrivato un primo passo concreto in questa direzone. Assalzoo, l'Associazione Nazionale tra i...

    10-10-2018
  • Mangimistica mondiale: un mercato da 500miliardi di dollari nel 2023

    Il mercato degli alimenti per animali dovrebbe crescere a un Cagr (tasso di crescita annuale composto) del 4,42%, fino a raggiungere 505,398 miliardi di dollari nel 2023. Lo evidenzia il rapporto: “Animal Feed Market - Forecasts from 2018 to 2023”...

    09-10-2018
  • Un agroalimentare di prodotto e non di normative

    I prodotti ottenuti con la nuova, moderna tecnica dell’editing genomico vanno considerati secondo la recente (25/07/18) sentenza della Corte di Giustizia Europea alla stregua dei vecchi organismi geneticamente modificati (OGM) e sono soggetti alle stesse...

    07-10-2018